Usa: un mare di richiami auto, da Bmw a Volvo

A scopo precauzionale, diverse Case automobilitiche che operano negli Stati Uniti hanno richiamato alcuni modelli

A scopo precauzionale, diverse Case automobilitiche che operano negli Stati Uniti hanno richiamato alcuni modelli

Nuove notizie di richiami di auto provengono dagli Stati Uniti, dove Ford, Porsche, Bmw, Volvo e Braun hanno tutti notificato all’NHTSA (l’ente statunitense per la sicurezza stradale) l’intenzione di revisionare alcune auto, Suv in particolare. Le aziende, memori di quanto accaduto a Toyota che nel mese di marzo è stata multata per aver nascosto a tale ente i problemi ad alcuni suoi modelli, si sono cautelate e hanno seguito la procedura.

Ford ha richiamato circa 33.000 unità a causa di difetti ai sedili anteriori riguardanti Explorer, Explorer Sport Trac, Mercury Mountaineer, Ford Fusion e Mercury Milan. I problemi riguardano soprattutto gli schienali, che a volte possono cadere indietro se manovrati senza attenzione. Incidenti? Per ora nessuno. Richiami anche a 3.200 Porsche Panamera.

Il richiamo Volvo ha invece riguardato 2.500 XC90 costruite nel 2010 e oggetto di problemi al serbatoio della benzina. Anche in questo caso è pura precauzione. Restando in Europa, Bmw ha richiamato 735 X5 perché le luci laterali non si accendono causa scollegamento dalla centralina.

Altri contenuti
Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti
News

Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.