Le regine di Villa d’Este: ecco le migliori

Assegnati i prestigiosi riconoscimento di eleganza e design. La coppa d’oro alla Maserati A6 GCS del ’55

Assegnati i prestigiosi riconoscimento di eleganza e design. La coppa d’oro alla Maserati A6 GCS del ’55

Si è concluso ieri il Concorso d’eleganza di Villa d’Este, evento di rilevanza internazionale che ha radunato a Cernobbio sul lago di Como le auto più belle del passato.

La coppa d’oro, primo premio della manifestazione, è stata assegnata a un esemplare della Maserati A6 GCS, spider da competizione guidata nientemeno che da Alberto Ascari nel 1947. L’esemplare premiato è stato carrozzato da Frua e costruito in soli tre pezzi nel 1955.

Il Trofeo Bmw Italia, premio assegnato dal pubblico mediante refendum, ha visto primeggiare la Talbot-Lago T150 C SS, vero gioiello a quattro ruote datato 1938.

Il Design Award for Concept Cars and Prototypes è andato invece all’Alfa Romeo TZ3 Corsa, presentata da Zagato in anteprima mondiale proprio a Villa d’Este. Si tratta di un esemplare unico commissionato alla carrozzeria italiana dall’imprenditore tedesco Martin Kapp, collezionista di Alfa Romeo Zagato. Nata per celebrare il centenario del Biscione, è una vera e propria auto da competizione che si ispira nelle linee alle Alfa degli anni ’60.

Le più belle auto del passato a Villa d’Este 2010 Vedi tutte le immagini
Altri contenuti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.