200 CV per la Lancia Delta

Tecnologia d’avanguardia, sovralimentazione e iniezione diretta per il nuovo cuore della Delta, il 1.8 Di Turbojet da 200 CV che è già Euro 5

Tecnologia d’avanguardia, sovralimentazione e iniezione diretta per il nuovo cuore della Delta, il 1.8 Di Turbojet da 200 CV che è già Euro 5

.

Seguendo la nuova  logica del “downsizing”, cioè ridimensionare, assicurare prestazioni eccellenti anche a costi e consumi ridotti, viene lanciato al Salone di Ginevra un nuovo propulsore per la Lancia Delta, l’ammiraglia di Casa Lancia: è un potente 1.8 Di Turbojet da 200 CV Euro 5 che verrà abbinato a un moderno cambio automatico a 6 marce.

Prodotto da FPT (Fiat Powertrain Technologies) il nuovo motore eroga 200 CV a 5000 giri e una coppia massima di 320 Nm a 2000 giri. La velocità  massima raggiungibile nella versione con cambio automatico/sequenziale a 6 marce è di 230 km/h e l’accelerazione da 0 a 100 km/h avviene in appena 7″4. Davvero bei numeri, ma consumi ed emissioni risultano contenuti: 7,8 litri per 100 km nel ciclo combinato e 185 gr/km di CO2 emessa.

Per attingere a questa elevata potenza il nuovo propulsore introduce l’iniezione diretta della benzina e la sovralimentazione mediante turbocompressore e doppio variatore di fase continuo su scarico e aspirazione, che permette riprese rapide grazie a una ottima curva di coppia.

La trasmissione automatica a 6 rapporti esalta ulteriormente le caratteristiche di elasticità e prontezza di ripresa. Tra l’altro questo dispositivo si contraddistingue per essere compatto e leggero, utilizza olio a basso attrito con una sesta marcia adatta per l’autostrada. Un preciso software di gestione permette di adattare la guidabilità, ed è possibile scegliere diversi programmi di guida (Winter, Norm e Sport) in automatico per adattare al meglio in proprio stile di guida.

Lancia Delta 2009 Vedi tutte le immagini
Altri contenuti
Stellantis al Milano Monza Motor Show 2021
News

Stellantis al Milano Monza Motor Show 2021

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.