Licenziato Forster, numero uno di GM Europa

Francesco Giorgi
06 Novembre 2009
Licenziato Forster, numero uno di  GM Europa

“La rinuncia alla vendita della Opel ha poco senso”, aveva detto. Questa frase gli è costata la poltrona

“La rinuncia alla vendita della Opel ha poco senso”, aveva detto. Questa frase gli è costata la poltrona

General Motors si è liberata dell’elemento più pericoloso per il ritorno sul controllo Opel: Carl Peter Forster, da Giugno 2004 numero uno della Divisione europea del Gruppo di Detroit. Oggi ha lasciato la poltrona. Una notizia inaspettata, che getta nuova benzina sulle infuocate recenti vicende della Casa di Russelsheim e sulla lunga questione legata alla vendita delle quote capitale.

Fino a 3 giorni fa, il controllo dell’azienda avrebbe dovuto passare al gruppo austro – canadese Magna, alleato in questa operazione con la banca russa Sberbank. L’altro ieri da Detroit è arrivata una decisione che nessuno avrebbe previsto: GM ha comunicato di non vendere Opel alla cordata Magna – Sberbank.

Una decisione che lo stesso Forster ha immediatamente commentato come “Troppo improvvisa e poco credibile”. Insomma, non avrebbe avuto senso. Il capo di General Motors per l’Europa avrebbe visto di buon occhio il passaggio del Marchio di Russelsheim alla Magna – Sberbank: una operazione sindacale, aziendale e diplomatica che avrebbe fatto felice, e in maniera nemmeno troppo velata, il Governo russo, alle prese con continui tentativi di alleanze strategiche per risanare l’asfittico mercato automobilistico nazionale, che nel 2009 è precipitato a -84%.

Dal canto suo, il Governo tedesco, dopo il “no” dato alla proposta della Fiat dei mesi scorsi, non ha mai nascosto una certa simpatia per l’operazione Opel – Magna. Tanto che il voltafaccia di General Motors ha colto di sorpresa gli stessi rappresentanti politici di Berlino. Sarebbe proprio la dichiarazione di Forster a proposito del “richiamo” della GM al controllo sulla Opel e il “no” di Detroit alla cessione del Marchio, ad averne provocato le dimissioni.

Sotto la guida di Forster la Opel ha sviluppato alcuni modelli di successo nell’ultima generazione della gamma di Russelsheim (ultima fra tutte, in ordine di tempo, la Insignia). Ora che la poltrona fino a oggi occupata da Forster è vuota, il responsabile del piano di risanamento sarà Nick Reilly.

Seguici anche sui canali social

Annunci Usato

  • dacia-lodgy-1-5-dci-8v-90-cv-startstop-5-posti-prestige
    5.500 €
    DACIA Lodgy 1.5 dCi 8V 90 Cv Start&Stop 5 posti Prestige
    Diesel
    211.588 km
    11/2012
  • jeep-renegade-2-0-mjt-140cv-4wd-active-drive-longitude
    23.200 €
    JEEP Renegade 2.0 Mjt 140CV 4WD Active Drive Longitude
    Diesel
    61.750 km
    01/2018
  • suzuki-vitara-1-6i-cat-flash
    2.500 €
    SUZUKI Vitara 1.6i cat Flash
    Benzina
    85.000 km
    10/1992
  • audi-a6-avant-45-2-0-tfsi-s-tronic
    38.990 €
    AUDI A6 Avant 45 2.0 TFSI S tronic
    Elettrica/Benzina
    53.000 km
    07/2019
  • jeep-renegade-1-0-t3-limited-gancio-traino
    19.500 €
    JEEP Renegade 1.0 T3 Limited + gancio traino
    GPL
    89.500 km
    05/2019
  • skoda-karoq-1-0-tsi-executive
    22.950 €
    SKODA Karoq 1.0 TSI Executive
    Benzina
    17.574 km
    04/2021
  • volkswagen-polo-1-0-tgi-5p-highline-bluemotion-technology
    17.800 €
    VOLKSWAGEN Polo 1.0 TGI 5p. Highline BlueMotion Technology
    Benzina/Metano
    2.053 km
    07/2020
  • bmw-318-d-touring-business-advantage-aut-navi
    20.890 €
    BMW 318 d Touring Business Advantage aut. * NAVI *
    Diesel
    107.800 km
    11/2018
  • land-rover-discovery-sport-2-0-td4-150-cv-auto-business-ed-premium-se
    29.900 €
    LAND ROVER Discovery Sport 2.0 TD4 150 CV Auto Business Ed. Premium SE
    Diesel
    108.703 km
    07/2019
page-background