Autoparco per mezzi pesanti a Brescia

Situato lungo il Corridoio 5, a Brescia, l’autoparco offre assistenza tecnica ai mezzi pesanti e servizi calibrati per gli autotrasportatori

Situato lungo il Corridoio 5, a Brescia, l’autoparco offre assistenza tecnica ai mezzi pesanti e servizi calibrati per gli autotrasportatori

Ha appena aperto i battenti a Brescia il primo autoparco per mezzi pesanti, una struttura interamente destinata al riposo e al ristoro degli autotrasportatori e situata lungo il corridoio cinque, una delle vie di comunicazione più trafficate a livello europeo.

Realizzato per la precisione all’uscita del casello autostradale di Brescia est nel comune di Castenedolo, l’Autoparco rappresenta un progetto unico in Italia: vanta infatti un’area di parcheggio di oltre 17 ettari (circa 173.000 metri quadri) e ben 400 posti disponibili.

E’ attrezzato per offrire assistenza tecnica ai mezzi pesanti e comfort agli autisti. Al suo interno sono stati inoltre implementati (novità assoluta in Italia) un sistema di telecontrollo sulla circolazione dei mezzi, sulle targhe e sui carichi, e un impianto fotovoltaico in grado di coprire il fabbisogno d’illuminazione della struttura.

Oltre a fornire l’assistenza e la sicurezza necessaria per la sosta dei mezzi pesanti, l’Autoparco Brescia Est offre una vasta gamma di servizi: rifornimento carburante; zona parcheggio (attrezzata anche per i mezzi refrigerati); servizio pneumatici; officine meccaniche, carrozzerie, elettrauto, sistemi di climatizzazione, manutenzione e scarico dati tachigrafo; servizi agli autisti con ristorante, bar, sale relax, market, docce, lavanderia, palestra e info-point con personale multilingue aperto 365 giorni all’anno.

Alla cerimonia di inaugurazione dell’Autoparco erano presenti il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Altero Matteoli, il presidente di Spa Autostrada Brescia Padova, Attilio Schneck e il presidente della Fai di Brescia, Antonio Petrogalli.

Altri contenuti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.