Fiat Tipo Sedan: gira il mondo senza problemi!

41.000 km percorsi in 22 paesi, partendo dalla Turchia dove l’auto viene costruita.

41.000 km percorsi in 22 paesi, partendo dalla Turchia dove l’auto viene costruita.

Ha impiegato 133 giorni il giornalista turco Okan Altan per affrontare una distanza di 41.000 km, la stessa della circonferenza terrestre, al volante di una Fiat Tipo sedan. Un viaggio in cui ha percorso le strade di 22 paesi comprese quelle di itinerari altamente suggestivi.

Infatti, partendo da Bursa, in Turchia, la mappa del tour in questione ha compreso la mitica transiberiana, in Russia, e l’affascinante Carrera Panamericana, in Messico. Inoltre, sono stati coperti anche territori di Bulgaria, Grecia, Romania, Ucraina e persino del Giappone. Senza contare che la Tipo ha attraversato anche nazioni europee come l’Olanda, la Germania, la Francia, la Svizzera e l’Italia.

Durante quest’impresa, la vettura Fiat, costruita in Turchia, non ha dato problemi di sorta, garantendo una grande affidabilità. Gli unici interventi richiesti, oltre la manutenzione ordinaria, sono stati la sostituzione di 2 pneumatici. In tutto Altan, in compagnia del fotografo Savas Yilmaz, ha consumato 1,7 tonnellate di carburante ed ha guidato per un tempo di 400 ore.

Certo, gli imprevisti, come l’attesa di 11 giorni per poter entrare in Messico a causa di intoppi di carattere burocratico, erano da mettere in conto, ma fanno parte del fascino del viaggio. Una traversata che ha visto i protagonisti trascorrere 81 giorni in attesa nelle frontiere o in nave, all’interno di una cabina.

Insomma, un risultato importante per il collega turco, che comunque non è nuovo ad imprese del genere, come dimostra il suo passato ed i viaggi precedenti al volante di altre auto prodotte in Turchia, nello specifico il Doblò della Fiat e la i10 della Hyundai.

Fiat Tipo: la famiglia al completo Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Fiat: Olivier François presenta la nuova 500

Altri contenuti

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.