Mercedes-Benz AMG GT-R: premiata per il Torque Tube

La Casa della Stella a Tre Punte si aggiudica il MATERIALICA Design+Technology

La Casa della Stella a Tre Punte si aggiudica il MATERIALICA Design+Technology

Sportiva senza compromessi, in grado di rivaleggiare con auto specialistiche quali la Porsche 911 GT3 RS, la Mercedes-Benz AMG GT-R vanta un asso nella manica: l’alloggiamento dell’albero di trasmissione in carbonio, denominato Torque Tub, dal peso di soli 13,9 kg (40% più leggero del componente in alluminio della Mercedes-AMG GT).

Proprio questa componente, realizzata con l’innovativo materiale Composito rinforzato con fibre di Carbonio si è aggiudicata il Materialica Design+Technology Silver Award nella categoria ‘Product’. Ma non è tutto, perché il brand teutonico ha conquistato anche il Silver Award nella categoria ‘CO2 Efficiency’ grazie la struttura a microsandwich sviluppata da Daimler AG. Si tratta di un nuovo sistema di materiali che offre infinite possibilità di impiego e in grado di ridurre il peso di ogni componente fino al 50%.

Con il Torque Tube le flange d’accoppiamento metallico possono tranquillamente andare in pensione, in favore di questo materiale Composito di fibre di Carbonio dalla forma tubolare capace di dar vita ad un’unica struttura monolitica insieme alla flangia di accoppiamento, soggetta a notevoli sollecitazioni.

Inoltre, il nuovo alloggiamento tubolare dell’albero di trasmissione in Carbonio rende possibile il collegamento diretto tra motore e cambio secondo la tipologia costruttiva a transaxle, aggiungendovi una straordinaria resistenza alla flessione ed alla rigidità torsionale.

Insieme all’albero di trasmissione in Composito di fibre di carbonio, la carcassa monolitica in Carbonio può gestire tranquillamente  i 700 Nm di coppia della Mercedes AMG GT R da 585 CV e, in caso di guasto, contribuisce ad evitare pericolose variazioni dalla traiettoria ottimale.

Mercedes-AMG GT Black Series 2021: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Audi A6 Allroad e Mercedes AMG GLE Coupé: la prova

Altri contenuti