Volvo: joint venture con Autoliv per la guida autonoma

La Casa svedese ha siglato una nuova partnership per accelerare lo sviluppo dei veicoli a guida autonoma.

La Casa svedese ha siglato una nuova partnership per accelerare lo sviluppo dei veicoli a guida autonoma.

Volvo rafforza la sua alleanza con Autoliv con lo scopo di accelerare la ricerca sulla guida autonoma. Le due società collaborano già da un anno nel campo della sicurezza e stradale, ma ora hanno siglato una nuova partnership per sviluppare prodotti e tecnologie inerenti alla guida senza pilota.

La nuova joint venture partirà nel 2017, mentre i primi frutti della collaborazione arriveranno sul mercato entro il 2020, anno in cui molto costruttori danno per certo la commercializzazione delle prime vetture a guida autonoma.

Nel progetto verranno impiegati oltre 200 ingegneri e tecnici specializzati provenienti da entrambe le aziende, ma con il passare del tempo il team potrebbe raggiungere quota 600 persone. Il lavoro partirà dai dati raccolti negli ultimi tempi dai 100 prototipi di XC90 a guida autonoma pilotati da altrettanti automobilisti della Svezia., mentre in un secondo momento la fase di test si allargherà anche ad altri stati del globo.

 

 

Volvo, Drive me: il sistema di guida autonoma Vedi tutte le immagini
Altri contenuti

Riflettori puntati sull’imminente edizione aggiornata del SUV di fascia medio-alta: un nuovo infotainment ed ulteriori dotazioni di sicurezza fra gli elementi che compongono l’annunciato restyling del modello bestseller di Volvo.

Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti
News

Pneumatici invernali, torna l’obbligo: Assogomma chiede incentivi per i prodotti più performanti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.