La guida autonoma piace alla metà degli italiani

Lo rivela uno studio di Findomestic

Lo rivela uno studio di Findomestic

L’Italia è la patria di Ferrari, Maserati, Lamborghini e Pagani, eppure è il Paese in cui la guida autonoma è attesa con più impazienza. Il dato è stato rilevato da uno studio di Findomestic durante il suo decimo rapporto annuale relativo ai trend della mobilità automobilistica.

I numeri dicono che il 40% del campione mondiale vorrebbe stare in auto con la stessa tranquillità del divano di casa, una percentuale che in Italia è del 35%, mentre il 48% degli intervistati in tutto il mondo avrebbe voglia di divertirsi con il loro device piuttosto che guidare nel traffico, una percentuale che, solo nel nostro Paese, è del 40%. In molti, inoltre, vorrebbero sfruttare il tempo trascorso al volante per occuparsi di faccende di lavoro, il 25% nel mondo, il 23% in Italia. Chiaramente, c’è chi vorrebbe utilizzare gli spostamenti in auto per recuperare il sonno perduto, il 37%, ma tra gli intervistati della penisola in questo caso si parla di un 29%. In pratica, in Italia il 65% degli utenti delle quattro ruote sarebbe favorevole alla guida totalmente autonoma. Ma ci sono realtà, come il Regno Unito, dove solamente il 32% degli automobilisti si affiderebbe a questi sistemi, mentre in Cina la percentuale di consensi è del 91%.

Il derby tra Apple e Google da una parte e le Case automobilistiche dall’altra, per il momento vede in vantaggio i costruttori convenzionali, che hanno le simpatie del 62% degli intervistati contro il 44% a favore dei colossi tecnologici.

Quindi, per l’81% delle persone contattate ci vorranno ancora 10 anni prima che l’auto a guida autonoma diventi realtà. Nel frattempo, ci si consola con l’auto connessa che, per l’86% degli automobilisti, migliora la sicurezza, anche se risulta più costosa per il 78% degli intervistati (64% in Italia).

I Video di Motori.it

MIMO 2021: intervista a Andrea Levy

Altri contenuti
Suzuki: le novità al MIMO 2021
Auto Ibride

Suzuki: le novità al MIMO 2021

La presenza del marchio di Hamamatsu al Milano Monza Motor Show 2021 si incentra sulle proposte ad alimentazione ibrida e su moto (ci sarà anche Marco Lucchinelli) e Marine: spazio anche al motorsport con Swift Sport R1 ed alle concept con il prototipo Suzuki Misano dello IED.