FCA: partnership con Google per la guida autonoma

La prossima settimana verrà ufficializzato l’accordo tra FCA e Google per la realizzazione dell’auto a guida autonoma.

La prossima settimana verrà ufficializzato l’accordo tra FCA e Google per la realizzazione dell’auto a guida autonoma.

Il Gruppo FCA (Fiat-Chrysler) e Google hanno siglato una partnership industriale con l’obiettivo di realizzare un’automobile dotata di guida autonoma. La prossima settimana verrà ufficializzato l’accordo tramite un annuncio congiunto fatto dalle due aziende, anche se le indiscrezioni relative ad una partnership tra FCA e Google circolavano già da tempo.

Il colosso californiano avrà il compito di sviluppare il software dedicato alla guida autonoma, mentre il Gruppo italo-americano fornirà ovviamente le automobili, anche se fino a questo momento non sono stati specificati quali modelli saranno utilizzati, senza dimenticare l’importanza della capillare rete di distributori e concessionari su cui può contare FCA . 

Entro 5 anni dovrebbe debuttare la prima auto a guida autonoma frutto della collaborazione tra FCA e Google: il progetto va infatti avanti spedito, come sottolineano i continui test su strada portati avanti in California dal colosso informatico. Da parte sua, Fiat-Chrysler ha già annunciato alcune importanti nomine dedicate alla gestione del progetto:  Doug Ostermann come “group treasurer”, ovvero responsabile di tutte le attività di “treasury” a livello globale e Ferrante Zileri come “assistant group treasurer”.

Questo accordo, che può essere definito storico, cambierà totalmente l’immagine delle due aziende, in particolare FCA accrescerà di molto il suo spessore e la sua reputazione a livello internazionale.

Fiat al MIMO 2021 Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Fiat: Olivier François presenta la nuova 500

Altri contenuti

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.