Terremoto in Giappone: fermata la produzione auto

La decisione è stata presa in seguito ai terremoti della scorsa settimana.

La decisione è stata presa in seguito ai terremoti della scorsa settimana.

La notizia dei due forti terremoti di 6.4 e 7.3 gradi della scala Richter che hanno colpito l’isola sud-occidentale di Kyushu durante la scorsa settimana, uccidendo almeno 42 persone, è stata riportata dai principali organi d’informazione in tutto il mondo.

Chiaramente, entrambi i terremoti hanno causato enormi danni alle infrastrutture urbane nella città di Kumamoto, con la distruzione di edifici, strade e ponti. Così, i principali produttori di auto giapponesi hanno cessato la produzione a seguito dei danni causati dal sisma.

Al momento, Toyota, Honda e Nissan hanno già fermato la produzione presso gli impianti in Giappone. Toyota fermerà le operazioni dei suoi impianti di assemblaggio nel paese per circa una settimana.

La Nissan ha fermato la produzione presso lo stabilimento di Fukuoka, dove vengono assemblate auto come Serena, Teana, Murano, ed altri modelli degni di nota, ma si prevede una ripresa delle operazioni già da oggi.

Non è la prima volta che un evento naturale si riflette sulla produzione automobilistica del Sol Levante, dove la grande organizzazione ha sempre consentito ai Brand più noti di ripartire di slancio.

I Video di Motori.it

MIMO 2021: intervista a Andrea Levy

Altri contenuti
Suzuki: le novità al MIMO 2021
Auto Ibride

Suzuki: le novità al MIMO 2021

La presenza del marchio di Hamamatsu al Milano Monza Motor Show 2021 si incentra sulle proposte ad alimentazione ibrida e su moto (ci sarà anche Marco Lucchinelli) e Marine: spazio anche al motorsport con Swift Sport R1 ed alle concept con il prototipo Suzuki Misano dello IED.