Remmy, segnala la presenza di bimbi a bordo

Nato dall’idea di due italiani, l’innovativo dispositivo segnala la presenza del bambino in auto quando l’autovettura viene spenta.

Nato dall’idea di due italiani, l’innovativo dispositivo segnala la presenza del bambino in auto quando l’autovettura viene spenta.

Sono sempre più numerosi i casi in cui, per distrazione o per altre fatalità, un bambino viene dimenticato in auto: solo negli Stati Uniti sono stati riscontrati 38 decessi di bambini ogni anno, perché dimenticati in auto dai genitori.

La causa di queste fatali dimenticanze nella la maggior parte dei casi non è da attribuire alla noncuranza dei genitori, ma a condizioni di vita stressanti e frenetiche le quali possono spingerci verso una distrazione che può portare a dimenticare la cosa più importante al mondo, ovvero un bambino seduto sul suo seggiolino dentro un’autovettura, magari in un periodo particolarmente caldo.

Per evitare il ripetersi di questi tragici incidenti, due italiani hanno inventato un innovativo ed economico sistema battezzato Remmy (dall’inglese remember, ricordare), capace di segnalare la presenza di un bambino in auto.  

Il dispositivo risulta infatti programmato per segnalare la presenza di un bambino nell’abitacolo di una vettura e tutti quei movimenti del piccolo che possono essere ritenuti a rischio, come ad esempio la presenza delle cinture di sicurezza slacciate. Nel momento in cui si spegne la vettura, Rammy emette un avviso acustico che ricorda immediatamente ai genitori la presenza del bambino in auto, evitando in questo modo la possibilità che si consumi una tragedia.

Altri contenuti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.