GP dell’Eifel 2020: favoriti e pronostici

Hamilton è il pilota con più chance, ma in molti vorrebbero batterlo e qualcuno potrebbe farlo.

Siamo entrati ufficialmente nel fine settimana dedicato al primo gran premio di Formula 1 dell’Eifel che prende il posto di quello che era identificato come gran premio di Germania, e che inizia con la suggestione di vedere il figlio del mitico Michael Schumacher su una monoposto Alfa Romeo per seguire le orme di un padre che in terra tedesca, e non solo, è identificato come una leggenda assoluta. Ma la gara vedrà i soliti noti sfidarsi per la vittoria, quindi Hamilton, Bottas e Verstappen.

Hamilton favorito assoluto

Se si pensa a chi possa essere il favorito per la vittoria finale, i nomi, come anticipato, si restringono a 3 possibili papabili, più altri piloti che possono essere degli underdog di lusso. Infatti, Hamilton è sicuramente quello più accreditato per il successo, considerando tutto quello che è accaduto in Russia, la sua fame atavica di vittorie, e la sua voglia di chiudere il prima possibile il discorso relativo al titolo piloti. Il campione del mondo ha il primo sfidante nel compagno di squadra Bottas, ma è risaputo che, al di là dei proclami di facciata, il finlandese non sia poi così agguerrito la domenica, a meno che il suo compagno di team non si trovi nell’impossibilità di transitare per primo sotto la bandiera a scacchi. Comunque, ha il privilegio di guidare la stessa monoposto del driver inglese, e questo basta per considerarlo come il primo antagonista in caso le cose non dovessero mettersi al meglio per Hamilton.

Da Verstappen a Leclerc, ma anche i piloti McLaren, Alpha Tauri e Racing Point

Poi c’è Verstappen, al quale tutto il caos generato in questi giorni dal comunicato di addio alla Formula 1 da parte di Honda a fine 2021 non deve certo aver fatto piacere, ma il pilota olandese è sempre stato il più veloce del lotto dopo le frecce d’argento diventate nere per la lotta contro il razzismo, di cui Hamilton è un formidabile portavoce.

Da non sottovalutare nemmeno Ricciardo, di nuovo tornato ai livelli che gli competono grazie ad una Renault cresciuta in maniera esponenziale, al punto da suscitare dolci pensieri nel suo sostituto dal prossimo anno, quel Fernando Alonso che la guiderà con i colori Alpine.

Inoltre, c’è Leclerc, si Leclerc, un nome nuovo tra i protagonisti assoluti, forse stiamo lanciando il cuore oltre l’ostacolo, ma la Ferrari porta in Germania interessanti novità e il suo pilota più carismatico (Vettel ormai è l’ombra di se stesso e guida aspettando l’Aston Martin di Stroll Senior) in gara è sempre uno dei più combattivi.

Da tenere d’occhio anche le McLaren e le Alpha Tauri, che in alcune situazioni possono puntare in alto, e le Racing Point, che hanno sempre quelle soluzioni Mercedes 2019 che vengono invidiate da tutti e viaggiano velocissime.

I Video di Motori.it

“L’Ordinario diventa Straordinario” ad Auto e Moto d’Epoca

Altri contenuti