Lexus ES Hybrid: arrivano gli specchietti retrovisori digitali

Questo nuovo tipo di tecnologia punta ad offrire standard di sicurezza e praticità ancora più elevati.

Lexus ha annunciato l’introduzione sul mercato italiano dei nuovi e sofisticati specchietti retrovisori digitali sulla berlina ES Hybrid, in grado di offrire, secondo la Casa giapponese, standard di sicurezza e praticità ancora più elevati.

Dai concept alla strada

Questa tipo di tecnologia sviluppata per una vettura realizzata in grande serie è stata presentata per la prima volta in Giappone nel 2018. Questo sistema sostituisce l’uso degli specchi retrovisori tradizionali con l’uso di microcamere esterne ad alta risoluzione che trasmettono le immagini riprese all’esterno su display installati nell’abitacolo. Le telecamere permettono di offrire una visuale ottimizzata dell’area retrostante e immediatamente a fianco del veicolo in qualsiasi tipo di condizioni di guida, inoltre permette di ridurre o addirittura eliminare completamente i punti ciechi del conducente, adattandosi in maniera automatica con l’obiettivo di offrire un angolo di visione allargato nelle manovre di retromarcia o quando si affronta una curva. Gli specchietti retrovisori digitali saranno disponibili sull’allestimento “Luxury” della ES Hybrid come optional a richiesta, offerto al prezzo di 1.800 euro.

Come funzionano?

Come accennato in precedenza, le telecamere esterne sfoggiano un design sottile e aerodinamico capace di esaltare le forme sinuose della berlina giapponese. I dispositivi trasmettono le immagini ad alta risoluzione su due monitor interni da 5 pollici incastonati sull’estremità superiore dei pannelli porta, in modo da rientrare nella visuale del conducente. Entrambe le unità sfruttano dei riscaldatori integrati che evitano il loro congelamento o appannamento, inoltre sono posizionate in modo da non subire interferenze provocate da gocce di pioggia o neve. Il conducente può inoltre contare su un sistema di sbrinamento attivabile tramite un apposito comando posizionato sulla plancia, mentre un sensore di luminosità riduce in maniera automatica l’abbagliamento dei fari dei veicoli che seguono, durante la guida notturna.

Nei momenti in cui il guidatore utilizza gli indicatori di direzione o inserisce la retromarcia, i monitor degli specchietti virtuali posizionati all’interno dell’abitacolo offrono automaticamente una visuale estesa dell’area situata a fianco e nella parte posteriore del veicolo, eliminando punti ciechi e consentendo manovre più sicure. Quando la visuale cambia, sull’angolo del display appare una icona specifica. Il dispositivo torna automaticamente alla sua impostazione standard quando terminano le operazioni di svolta, cambio di corsia o parcheggio.

Specchietti retrovisori digitali: pro e contro

A questo punto è lecito chiedersi quali sono i pregi e i difetti di questa nuova tecnologia capace di cambiare il modo di guidare, nel senso più tradizionale del termine.

I vantaggi

Cerchiamo a questo punto di elencare i vantaggi che questa nuova tecnologia può offrire al guidatore moderno:

  • minori consumi
  • maggiore silenziosità
  • visuale più estesa

La maggiore aerodinamicità offerta dagli specchietti retrovisori digitali, per via delle loro dimensioni estremamente più compatte, porta in dote una serie di vantaggi. Diminuendo le resistenze aerodinamiche si ha un risparmio nei consumi di carburante o di energia elettrica se parliamo di auto a zero emissioni. Anche le turbolenze vengono eliminate, offrendo così maggiore silenziosità e comfort per i passeggeri della vettura. Come accennato in precedenza, vengono eliminati gli angoli ciechi e si può ottenere una visuale maggiore dell’aree laterali e posteriore del veicolo

Gli svantaggi

Se parliamo dell’uso degli specchietti digitali, non esistono veri e propri svantaggi, anche se risulta necessario sottolineare alcune cose. Innanzitutto, il costo di questi dispositivi fanno lievitare di qualche migliaio di euro il prezzo di listino delle vetture, inoltre in caso di rotture o malfunzionamenti il conto da pagare sarebbe a dir poco salato. In secondo luogo, è necessario abituarsi alla percezione degli ingombri quando si utilizzano questi dispositivi, onde evitare di sbagliare manovra durante la guida.

Lexus ES Hybrid con specchietti retrovisori digitali: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Lexus UX 300e: nuovo SUV elettrico

Altri contenuti