Formula 1: Honda annuncia l’addio a fine 2021

La Casa giapponese abbandonerà la Formula Uno alla fine della stagione 2021 lasciando i team Red Bull e Alphatauri senza motore.

Honda ha annunciato ufficialmente che alla fine della stagione 2021 lascerà la Formula 1. La motivazione ufficiale della Casa giapponese relativa all’abbandono della massima Formula è che Honda avrebbe deciso di concentrare le proprie risorse nel settore “Ricerca e Sviluppo”. In molti però affermano di non aver “abboccato” a quella che sembra una versione che cerca di nascondere quello che viene considerata un’esperienza fallimentare nel Circus. Ad onor del vero, bisogna però affermare che negli ultimi tempi Honda stava raccogliendo buoni risultati con i suoi partner Red Bull e Alphatauri, ma evidentemente tutto questo non sembra essere bastato.

Per capire bene questa situazione tutt’altro che semplice, bisogna tornare indietro di qualche anno, ovvero al 2015, momento in cui Honda è rientrata nella F1 come fornitore di motori per la McLaren. Questo sodalizio fu a dir poco un disastro, sia per la scarsa competitività della Power Unit che per il difficile rapporto che si era instaurato tra il Team Honda e il pilota Fernando Alonso, con quest’ultimo sempre pronto a provocare i giapponesi con dei team radio al veleno.

Come abbiamo accennato in precedenza, le cose cambiarono di molto nel 2018, anno in cui venne inaugurata la partnership con la Toro Rosso, cosa che fece da preludio alla nuova collaborazione siglata l’anno successivo con il team principale Red Bull. Questa nuova avventura portò ben 5 vittorie (4 con la Red Bull e una con l’Alpha Tauri) e il conseguente raggiungimento del terzo posto nel mondiale costruttori.

Nonostante questi ottimi risultati, purtroppo per la Honda è giunto un inesorabile epilogo, incoraggiato da un regolamento a dir poco bizzarro della massima Formula. In realtà, la motivazione ufficiale della Honda è legata allo scoppio della pandemia globale e alla conseguente crisi economica che ha travolto il settore automotive. Considerando che le risorse economiche si sono ridotte, Honda ha deciso di dirottare i propri investimenti verso il settore di Ricerca e Sviluppo.

Questa scelta lascia però i due team senza un motore, mettendo di conseguenza in crisi l’intero apparato della Formula 1. Tutto questo è potuto accadere a causa di una “sciagurata” clausola voluta da Chase Carey, ex CEO della F1. Questa clausola permette ai Costruttori e ai team – nonostante abbiano firmato un contratto quinquennale – di lasciare il Circus senza pagare alcuna penale, semplicemente avvisando gli organizzatori entro il mese di marzo dell’anno prima.

I Video di Motori.it

“L’Ordinario diventa Straordinario” ad Auto e Moto d’Epoca

Altri contenuti