Nissan RE-LEAF: il prototipo che combatte le catastrofi naturali

L’inedito prototipo è stato sviluppato per portare l’energia elettrica nei luoghi colpiti da calamità naturali estreme.

Nissan ha svelato un’inedita showcar basata sulla vettura 100% elettrica Nissan Leaf e sviluppata appositamente per supportare i soccorsi in caso di calamità naturali e condizioni climatiche estreme.  Battezzata Nissan RE-LEAF – dove il nome “RE” è l’acronimo di response, recovery e resilience – questo prototipo ha la capacità di fornire energia durante le operazioni di primo soccorso effettuate nelle situazioni di emergenza. In questo modo la Casa dei tre ellissi vuole dimostrare le varie capacità e gli svariati usi che possono caratterizzare i veicoli elettrici.

Inarrestabile anche su macerie e detriti

La RE-LEAF è stata costruita per poter percorrere strade ostruite da macerie e detriti vari in modo da poter raggiungere le zone epicentro di disastri. Il prototipo è stato inoltre equipaggiato con prese di corrente resistenti alle intemperie, montate direttamente sulla carrozzeria esterna, che permettono di alimentare – sfruttando l’energia della batteria agli ioni di litio – dispositivi da 110-230 V (apparecchiature mediche, di comunicazione, di illuminazione, etc.).

“Con la Nissan Intelligent Mobility siamo costantemente alla ricerca di nuovi modi in cui utilizzare i veicoli elettrici per migliorare le nostre vite, oltre al trasporto a zero emissioni – queste le parole di Helen Perry, Head of Electric Passenger Cars & Infrastructure di Nissan Europa, che ha inoltre aggiunto – Concept come RE-LEAF mostrano le possibili applicazioni dei veicoli elettrici nella gestione dei disastri e dimostrano che una tecnologia più intelligente e pulita può contribuire a salvare vite umane e fornire una maggiore resilienza per il futuro. Con migliaia di veicoli elettrici disponibili su richiesta si può creare una centrale elettrica mobile per garantire la fornitura energetica durante i blackout più prolungati.”

Sviluppata per alimentare dispositivi esterni

Per alimentare dispositivi esterni, la RE-LEAF sfrutta la tecnologia di ricarica bidirezionale di Nissan LEAF, disponibile sin dal2010. La batteria di bordo ad alta capacità, presente nella vettura non può essere soltanto caricata dall’esterno, ma può anche reimmetterla nella rete sfruttando il sistema V2G (Vehicle-to-Grid). In questo modo è possibile alimentare abitazioni o edifici con il V2H/V2B (Vehicle-to-Home/Vehicle-to-Building) o ricaricare direttamente dei dispositivi elettronici sfruttando la tecnologia V2X (Vehicle-to-everything).

Come accenato in precedenza, durante le operazioni di soccorso la RE-LEAF è in grado di alimentare più dispositivi contemporaneamente.

Alcuni esempi di consumi energetici a 230 V:

  • Martello pneumatico, 24 ore – 36 kWh
  • Apparecchio per ventilazione forzata, 24 ore – 21,6 kWh
  • Bollitore cucina da campo da 10 litri, 24 ore – 9,6 kWh
  • Ventilatore per terapia intensiva, 24 ore – 3kWh
  • Proiettore a LED da esterno 100 watt, 24 ore – 2,4 kWh.
Nissan RE-LEAF: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Nissan Ariya: crossover 100% elettrico

Altri contenuti