Fiat: completata l’acquisizione di Chrysler

La Casa del lingotto completa l’acquisizione del Gruppo americano comprando la restante quota detenuta dalla Veba.

La Casa del lingotto completa l’acquisizione del Gruppo americano comprando la restante quota detenuta dalla Veba.

Fiat ha completato l’acquisizione della quota detenuta da Veba in Chrysler, pagando al sindacato americano 1,75 miliardi di dollari con utilizzo della liquidità disponibile, il tutto secondo gli accordi siglati dalle due parti ad inizio del mese.

Inoltre, la Casa del Lingotto dovrà versare un dividendo straordinario di 1,9 miliardi di dollari – erogato dalla Chrysler – ai propri soci e che verrà interamente incassato da Veba. Il risultato di questa operazione ha quindi portato il Costruttore italiano – tramite la controllata Fiat North America (Fna) – ad ottenere il controllo del 100% del Gruppo Chrysler, per una spesa complessiva di 3,6 miliardi di dollari.  

Ricordiamo che Chrysler Group, la International Union, l’United Automobile e l’Aerospace and Agricultural Implement Workers of America hanno siglato un  Memorandum d’Intesa che va ad integrare l’attuale contratto collettivo del Gruppo americano che prevede ulteriori iniezioni di denaro verso al Veba Trust, per un valore complessivo di 700 milioni di dollari, suddivisi in quattro quote paritetiche che verranno pagate annualmente.

La prima di queste quattro quote è già stata versata in concomitanza con la chiusura dell’operazione tra la Fiat e la Veba, inoltre dopo gli attuali sviluppi, FNA e il Veba Trust ritireranno in via definitiva l’azione legale dinanzi al Court of Chancery del Delaware, per quanto riguarda l’interpretazione del contratto di call option.

Chrysler 200 2015: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Fiat: Olivier François presenta la nuova 500

Altri contenuti

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.