Formula 1: Hamilton stravince nel GP di Ungheria

Ottimo secondo posto di Verstappen davanti a Bottas, solamente sesta e undicesima la Ferrari con Vettel e Leclerc

Nuvole nere intorno al circuito prima del gran premio di Formula 1 d’Ungheria, la partenza avverrà con asfalto umido e le monoposto saranno messe subito a dura prova come ha dimostrato Verstappen che è andato a sbattere contro le protezioni prima di sistemarsi in griglia.

Hamilton parte in testa, poi il valzer dei cambi gomma

Parte bene Hamilton, si perde Bottas, che retrocede fino alla sesta posizione, mentre le Ferrari risalgono in quarta e quinta posizione con Vettel e Leclerc. Intanto Stroll si trova al secondo posto davanti a Verstappen. Al giro 3 rientra Leclerc che monta la gomma rossa, e Bottas lo segue ma esce con gomma gialla. Al giro successivo anche Hamilton cambia le gomme e inizia il traffico in corsia box, rimangono fuori pochi piloti tra cui Verstappen, ma poi tutti sono costretti a montare le slick. Nel caos dei cambi gomma Vettel è stato sfortunato ed è rientrato in ottava posizione. L’altro ferrarista, Leclerc, è in difficoltà al sesto posto con Bottas che lo tallona ma poi sbaglia nel tentativo di superarlo. Hamilton è il leader della gara a 10 giri dal via, seguito da Verstappen a più di 8 secondi, ma il vero exploit in questa fase di gara è il terzo posto provvisorio di Magnussen. Giro dopo giro la costanza paga Bottas che supera Leclerc e diventa sesto, anche Vettel subisce il sorpasso da Albon per un suo errore e perde l’ottava posizione. Ferrari in grave difficoltà con Albon che arriva a prendere Leclerc, ma dovrebbe tornare la pioggia.

Si ripropone il duello tra Vettel e Leclerc, e Bottas spinge forte per agguantare il podio

Stroll supera Magnussen e guadagna la terza posizione provvisoria, ma il pilota della Haas subito dopo subisce anche il sorpasso di Bottas che risale in quarta posizione. Al giro 19 Vettel è alle spalle di Leclerc, che non da strada al compagno di squadra, poi il tedesco riesce a sopravanzarlo e si prende l’ottava posizione. Leclerc è lento, le gomme rosse non lo aiutano e il pilota Ferrari torna ai box sperando di arrivare fino in fondo con gomma bianca. Continua a spingere Bottas che risale ad 1 secondo da Stroll e si mette a caccia della terza posizione. Al giro 30 anche Vettel si ferma, non crede nella pioggia e monta la gomma bianca per arrivare fino in fondo. La Ferrari rischia e solo il tempo ci dirà se ha fatto la scelta giusta. Leclerc è alle prese con Lando Norris, si tocca con il pilota McLaren al giro 32 per la 14esima posizione, ma non riesce a superarlo. Poi al giro 33 finalmente lo sopravanza. Mentre al giro 36 anche Albon copia la strategia di Vettel, si ferma ai box e monta le gomme bianche.

 

Hamilton stravince, compie il giro veloce, e raggiunge un altro record di Schumi

La pioggia torna a fare la sua comparsa intorno al giro 37 ma ancora nessuno prende in considerazione di montare le gomme intermedie o da bagnato. Dieci giri dopo si accende la lotta tra Verstappen e Bottas per la seconda posizione con il pilota Mercedes a poco più di 1 secondo dall’olandese. Ma al giro 50 Bottas si ferma e monta un treno di gomme bianche per arrivare a fine corsa. Nelle retrovie si consuma la sfida tra i due futuri compagni di squadra Leclerc e Sainz per la decima posizione. Triste per i tifosi della Ferrari vedere al giro 58 Hamilton che doppia Vettel al quinto posto provvisorio. Con Stroll lontanissimo da Bottas ed Hamilton che sembra inattaccabile, la vittoria è sempre più nelle mani del campione del mondo, e l’unica lotta nella zona podio rimane quella tra Verstappen ed il finlandese della Mercedes per la seconda posizione. Dietro intanto Sainz supera Leclerc e guadagna la decima posizione. Giornata difficile anche per Vettel con Albon che lo tallona per rubargli la quinta posizione. Al giro 66 Hamilton entra ai box per montare le gomme rosse e tentare di fare anche il giro più veloce in gara. Il giro dopo Albon super Vettel e sottolinea il momento no della rossa. Vince ancora una volta Hamilton ed eguaglia un altro record di Schumi: il maggior numero di vittorie nello stesso circuito con 8 successi in Ungheria. Al secondo posto un ottimo Verstappen, che si riscatta dall’errore pre-gara, con Bottas che chiude il podio. Ottimo il quarto posto di Stroll davanti ad Albon, mentre Vettel chiude in sesta posizione davanti a Perez. Concreto Ricciardo che transita sotto la bandiera a scacchi all’ottavo posto, con Magnussen e Sainz a chiudere i primi dieci classificati. Solamente 11esimo Leclerc che rimane fuori dalla zona punti.

I Video di Motori.it

“L’Ordinario diventa Straordinario” ad Auto e Moto d’Epoca

Altri contenuti