Michelin presenta il nuovo Pilot Sport Cup 2 Connect e il Track Connect

Michelin presenta il suo nuovo Pilot Sport Cup 2 Connect, un pneumatico che migliora il rendimento e le prestazioni di un veicolo, specialmente in pista

L’unico elemento che consente un contatto diretto tra l’auto e l’asfalto è proprio il pneumatico, un fattore che spesso e volentieri viene messo in secondo piano. Più un pneumatico è buono più verranno esaltate le prestazioni di un veicolo, così come al tempo stesso viene aumentata la sua sicurezza, grazie a un grip maggiore sulla strada. Per questi motivi non va mai dimenticata l’importanza e l’aspetto fondamentale dei pneumatici, dei quali Michelin è uno dei più importanti produttori a livello mondiale. L’azienda di origine francese ha sviluppato un nuovo prodotto, il Pilot Sport Cup 2 Connect, che interagisce alla perfezione con un altro interessante dispositivo, il Track Connect.

Pilot Sport CUP2 Connect

Si tratta di un prodotto completamente nuovo, non bisogna farsi trarre in inganno dalla dicitura e confondersi con il CUP2. Grazie a un particolare alloggiamento, nel quale è stato posto uno specifico sensore, questo è il primo pneumatico disponibile sul mercato ad essere pronto per essere connesso. Coloro che lo useranno, dovranno solo inserire il sensore della soluzione MICHELIN Track Connect per poter sfruttare tutte le peculiarità di questo strumento e ottimizzare le loro prestazioni durante le giornate in pista. Il Pilot Sport CUP2 Connect è stato concepito per un uso all’80% in pista, mentre il 20% su strada. Ciò non toglie, che questo nuovo prodotto possieda una grande polivalenza per un utilizzo quotidiano, garantendo comunque elevate prestazioni su pista.

Le soluzioni tecniche di questo pneumatico sono affascinanti, a cominciare dall’architettura Wavy Summit – caratterizzata da tele di sommità ondulate mediante l’aggiunta di caucciù al di sopra della carcassa del pneumatico, che consentono di ridurre il tempo di risposta dello sterzo e di aumentare il feeling sportivo – e come la Tecnologia Dynamic Response – composta da una tela a 0° ibrida ad alta intensità in aramide e nylon, per ottimizzare la precisione di guida ed il comportamento del pneumatico sotto carico. Questa tela, posizionata subito sotto il battistrada, è al tempo stesso molto resistente e leggera. A parità di peso, l’associazione tra nylon e aramide è 5 volte più resistente dell’acciaio.

Nuovo battistrada

Per garantire una splendida tenuta di strada, il battistrada è stato rivoluzionato tramite la tecnologia Bi-Mescola, in cui quest’ultimo asimmetrico e non direzionale utilizza la Tecnologia Bi-Mescola, con la parte esterna realizzata con uno specifico elastomero, adattato per fornire la massima aderenza su asfalto asciutto in curva. La parte interna del battistrada è invece realizzata con un elastomero più rigido, che ottimizza la precisione di guida ed il controllo. Da non sottovalutare anche l’elevata Catena Molecolare, che beneficia di una nuova mescola con “elastomeri funzionali“, che consentono di ottenere un materiale più omogeneo ed una migliore resistenza al rotolamento, oltre ad una maggiore aderenza su asfalto bagnato per merito di un maggiore dosaggio di silice. Infine, il Track Longevity Technology 2.0, con i rinforzi sulla spalla esterna consente al pneumatico una minore usura in pista, permettendo prestazioni migliori che si mantengono giro dopo giro.

Interazione con Track Connect

Le Michelin Pilot Sport CUP2 Connect non vengono fornite di serie con l’apparato di sensori che dialoga con lo smartphone, ma con la semplice predisposizione a montarli. Per far si che si possa godere pienamente di questa esperienza, è necessario acquistare il kit da 400 euro che comprende i 4 sensori, il ricevitore ed un supporto a ventosa per lo smartphone. Una volta installati i sensori nella gomma, molto vicini al battistrada, e fatto il collegamento con l’applicazione Track Connect di Michelin dopo aver inserito i codici di ogni sensore, può partire l’esperienza in pista.

L’app inizia ad acquisire e a mostrare dati al pilota, e a consigliare di volta in volta le pressioni giuste per far rendere il pacchetto al meglio. Quando l’applicazione ha assimilato alcuni valori come la temperatura ambientale e le condizioni dell’asfalto, la risposta sulla pressione da usare è immediata, così che si possa partire senza problemi. Si seleziona il tracciato e poi si ha sempre a vista le temperature di ogni singola gomma. Se poi si fa ruotare lo smartphone in orizzontale si passa a visualizzare il temperamento della vettura, che può essere neutrale, tendenzialmente sottosterzante o tendenzialmente sovrasterzante. L’applicazione Track Connect memorizza il comportamento delle gomme durante tutto il loro uso, svolgendo un compito di pura telemetria, e i tempi sul giro.

I Video di Motori.it

Aci Rally Italia Talent: a Cuneo l’ultima selezione

Altri contenuti