Alex Zanardi: condizioni stabili ma sempre gravi

Dopo l’incidente in handbike ed un primo intervento, il campione bolognese resta in terapia intensiva. Accanto a lui la moglie Daniela e il figlio Niccolò.

Tutta Italia è in con il fiato sospeso per le condizioni di Alex Zanardi: il campione automobilistico e plurimedagliato paralimpico, ricoverato dalla prima serata di ieri (venerdì 19 giugno) al Policlinico Le Scotte di Siena in seguito ad un drammatico incidente occorsogli mentre era alla guida della sua handbike, è stato sottoposto nella notte ad un primo delicato intervento di chirurgia maxillo-facciale. L’operazione, durata tre ore, si è conclusa verso le 22 di venerdì sera. Concluso l’intervento, Zanardi è stato portato nel reparto di terapia intensiva del medesimo nosocomio, dove ha trascorso la prima notte del suo ricovero.

Il primo bollettino di sabato

Le condizioni di Alex Zanardi, riferiscono le fonti di stampa, vengono giudicate stabili, tuttavia sempre gravissime. Un primo bollettino dei medici dello staff di neuro chirurgia che lo ha operato ieri sera, comunicato al pubblico alle 10 di sabato mattina (20 giugno), riferisce che il pluricampione bolognese rimane in condizioni molto gravi, seppure stabili, come si accennava. Zanardi è “Intubato e supportato da ventilazione artificiale”; il quadro neurologico “Resta grave”. Accanto a lui ci sono, inseparabili, la moglie Daniela ed il figlio Niccolò. Per le prossime ore si attende un secondo bollettino medico.

L’incidente con la handbike

Alex Zanardi – che proprio ieri (venerdì 19 giugno) aveva annunciato, insieme a Bmw Italia, di essere in procinto di tornare in pista, nella fattispecie per l’ultima prova stagionale del Campionato Italiano Endurance, fissata per il prossimo 8 novembre a Monza – si è scontrato contro un camion, nel pomeriggio di ieri. Zanardi si trovava in Val d’Orcia per partecipare, insieme ad altri atleti che fanno parte del suo team “Obiettivo 3”, alla staffetta a tappe “Obiettivo Tricolore” dedicato alla ripartenza del Paese dopo il lockdown provocato dall’emergenza da Coronavirus. Mentre percorreva un tratto in discesa della Statale 146, all’altezza di Pienza, indicano alla stampa le prime testimonianze, la sua handbike avrebbe mutato la propria traiettoria all’improvviso, per impattare contro un mezzo pesante che in quel momento stava viaggiando nella direzione opposta. La gravità delle condizioni di Zanardi si è immediatamente evidenziata nella sua drammaticità. Trasportato in elisoccorso all’ospedale Le Scotte di Siena, Alex Zanardi è stato subito sottoposto ad operazione di chirurgia maxillo-facciale.

Secondo alcune testimonianze, fra le quali – come riportato da Il Resto del Carlino – quella del commissario tecnico della Nazionale di Paraciclismo, Mario Valentini che ha assistito all’incidente, la handbike di Zanardi avrebbe cambiato traiettoria, in un tratto in discesa al 4%, proprio quando, dalla parte opposta, stava sopraggiungendo un camion con semirimorchio. L’autista, in un tentativo d’emergenza per cercare di evitare lo scontro, si sarebbe anche spostato; ma non ci sarebbe stato niente da fare: Zanardi avrebbe urtato contro la scaletta del camion che serve per montare a bordo della motrice. L’autista del camion, un 44enne residente in provincia di Siena, sarebbe stato iscritto nel registro degli indagati da parte della Procura, per lesioni gravissime. Un atto dovuto, spiegano i magistrati senesi. Sottoposto all’alcoltest ed agli esami sulle sostanze stupefacenti, è risultato negativo.

I messaggi di auguri da tutto il Paese

La notizia dell’incidente cui Zanardì è stato sfortunato protagonista ha immediatamente fatto il giro del mondo, a testimonianza del grande affetto che lega milioni di appassionati al campione bolognese. A partire dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che nel suo profilo Twitter ha scritto “Mai ti sei arreso e con la tua straordinaria forza d’animo hai superato mille difficoltà. Forza Alex #Zanardi, non mollare. Tutta l’Italia lotta con te”; Lapo Elkann sostiene il campione automobilistico e paralimpico scrivendo “Hai aiutato la campagna senza pensarci un attimo. Sei una splendida persona e un esempio di resilienza e vita. Caro Alex ti sono vicino e ti mando un forte abbraccio”. Messaggi di auguri gli sono stati inviati da esponenti del mondo sportivo, della vita politica e del sociale.

I pensieri di tutti sono per lui

Sono tuttavia centinaia di migliaia i tifosi che, esprimendo con le parole o con il proprio pensiero, la propria ideale vicinanza all’indomito campione di Castelmaggiore, testimoniano l’autentico trait d’union fra lo stesso Zanardi e le folle sportive. Il valore dell’impegno personale nella vita e dell’amicizia sono da sempre al centro della personale visione del pilota e plurimedagliato paralimpico, anche prima dell’incidente del 15 settembre 2001 al Lausitzring. Quell’episodio fu, per lui, l’inizio di una nuova esistenza; tuttavia, la drammaticità degli eventi, come Zanardi ha sempre tenuto a sottolineare, deve essere uno stimolo a non darsi mai per vinti. E questo, Alex Zanardi lo ha ulteriormente ribadito alla fine dello scorso aprile, chiamato a dare la propria testimonianza su come affrontare il futuro dopo la pandemia da Covid-19: “Se durante la mia esistenza ho dovuto combattere alcune situazioni difficili, ciò non vuol dire che mi piaccia questo tipo di lotta – aveva spiegato Alex Zanardi -. Ciò che è sicuro, è che ogni volta che nella vita superi un problema, sviluppi nuovi strumenti. Una volta che l’esperienza che hai vissuto è alle tue spalle, questi strumenti possono eventualmente rimanere nel tuo bagaglio per superare altri problemi che, inevitabilmente, dovrai affrontare durante il viaggio della vita”.

Dal canto nostro, rivolgiamo ad Alex i nostri migliori auguri: siamo certi che il suo cuore di gran lottatore avrà la meglio anche su questa nuova avversità.

I Video di Motori.it

FISG sceglie Suzuki per la stagione 2020/2021

Altri contenuti