Kia UVO connect Phase II: debutta il sistema di infotainment evoluto

L’aggiornamento “Phase II” dedicato all’UVO connect propone tra le altre cose una navigazione più precisa e la modalità in realtà aumentata “last-mile”.

Kia evolve il suo sistema di infotainment con l’introduzione del nuovo Kia UVO connect Phase II che equipaggerà tutti i futuri modelli del marchio coreano proposti sul mercato italiano ed europeo. Uvo Connect proporrà quindi una nuova serie di servizi evoluti grazie all’introduzione della “Phase II” che punta a ottimizzare la connettività offerta e il controllo del veicolo.

Entrando nel dettaglio, scopriamo che le funzionalità “Phase II” implementate nel sistema UVO Connect metteranno a disposizione degli utenti i seguenti vantaggi:

  • Calcolo più preciso dei tempi di trasferimento
  • Assistenza per la navigazione “last-mile”
  • Gamma di funzioni volta a migliorare la connettività e la facilità di utilizzo,
  • Accesso alle funzioni tramite l’app per smartphone UVO e tramite l’infotainment dell’auto

Il debutto sui model year 2020

I primi modelli targati Kia distribuiti in Europa che offriranno le nuove funzionalità UVO “Phase II” saranno introdotti nel corso del 2020, seguendo gli aggiornamenti previsti dal debutto dei model year.

“I nostri sforzi sono diretti ad introdurre tecnologie che rendano la vita al volante più semplice e intuitiva per i nostri clienti – queste le parole di Pablo Martinez Masip, Chief Operating Officer Kia UVO Connected, che ha inoltre aggiunto – UVO Connect, già disponibile in gran parte sulla nostra gamma, è fondamentale e le nuove funzionalità di “Phase II”, rivelate oggi, renderanno i viaggi ancora più facili e sicuri.”

Informazioni traffico più accurate

Tra le numerose funzionalità di “Phase II” spicca la “online navigation”, in grado di sfruttare la raccolta dati attraverso cloud in tempo reale con l’obiettivo di fornire informazioni sul traffico molto più accurate, tra cui un quadro più preciso dei tempi di viaggio e dell’orario di arrivo previsto. L’enorme vantaggio offerto rispetto ai sistemi di navigazione “tradizionali” è quella di garantire l’acquisizione dei dati in tempo reale.

Navigazione in realtà aumentata

Anche la nuova funzione “last mile navigation” merita un discorso a parte perché capace di offrire indicazioni dettagli sulla destinazione finale anche dopo aver parcheggiato la propria vettura. Con last mile navigation sarà ad esempio possibile individuare la posizione dei parcheggi, selezionati in base alla distanza dai punti di interesse preferiti, come negozi, bar, ristoranti, etc.  Se la destinazione che si vuole raggiungere si trova nell’intervallo tra 200 metri e 2 chilometri di distanza, una volta spenta l’auto, viene inviata una notifica push all’app UVO sullo smartphone. L’app si avvia e consente di accedere facilmente alla navigazione di Google Maps per completare il viaggio a piedi. In alternativa, gli utilizzatori possono attivare una funzione di “realtà aumentata”, “Guida AR“, che aprendo la fotocamera dello smartphone è in grado di completare l’immagine con la sovrimpressione delle frecce direzionali che ci guideranno durante il percorso.

Sarà inoltre possibile usufruire della funzione “User Profile Transfer” sull’app UVO che consente di gestire in remoto le impostazioni dell’auto tramite l’uso dello smartphone.  Le impostazioni preferite (come ad esempio le preferenze di navigazione, radio e Bluetooth) saranno inoltre trasferite automaticamente al sistema multimediale della vettura nel momento in cui si decide di accendere l’auto e avviare il motore.

Kia Stonic restyling: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Kia Picanto GT Line 2020

Altri contenuti