Renault: con il concept Morphoz immagina il futuro della mobilità

Un’auto modulare, da condividere, con guida autonoma ed una batteria supplementare per arrivare ovunque

La mobilità del futuro secondo Renault passa per delle auto intelligenti e sostenibili come il concept Morphoz, futuristico ma non troppo, perché è così che la Casa della Losanga immagina quello che potrebbe essere il prossimo futuro nel 2025.

Guida autonoma e condivisione

Niente più stress nel ritorno a casa dal lavoro, il silenzio dell’auto elettrica si combina con la guida autonoma che segue il traffico sotto lo sguardo del conducente che decide quando riprendere il controllo della situazione. Ma l’abitacolo è anche una sorta di salotto di conversazione, dove il sedile del passeggero anteriore può girarsi all’indietro per fare in modo che i passeggeri possano guardarsi negli occhi.

Ovviamente, l’auto è in condivisione, magari con i vicini di casa, per sfruttarla al meglio a seconda delle esigenze di ognuno, senza temere le lunghe distanze grazie ad una batteria supplementare da installare sulla vettura. Tutto questo coincide con le necessità che avremo tra pochi anni, ma anche oggi, a dir la verità, ovvero poter viaggiare senza stress su strade meno intasate, magari svegliandosi leggermente più tardi al mattino per essere più riposati, ed avere più tempo libero.

Lo scambio energetico sarà fondamentale

In un parco auto contraddistinto dalla presenza di veicoli elettrici ci sarà la necessità di integrare quest’ultimi alla rete elettrica grazie alla tecnologia V2G, che sta per Vehicle to Grid, dove i mezzi di trasporto quando sono fermi possono restituire energia alla rete per uno scambio intelligente della preziosa e sempre più indispensabile elettricità. La condivisione dell’energia inoltre consentirà di ridurre la produzione delle batterie e, di conseguenza, dell’inquinamento relativo allo smaltimento delle stesse. Più condivisione dunque, anche per le auto, che saranno appannaggio di più persone e non avranno neanche bisogno di chiavi, ma basterà lo smartphone per sbloccare le serrature ed avviarle.

Morphoz incarna lo spirito delle Renault del futuro

Con questo concept la Casa francese immagina il futuro dei suoi modelli. Nello specifico, il prototipo Morphoz è un mezzo modulare che nella variante City ha una lunghezza di 4,40 metri, mentre nell’allestimento Travel arriva a 4,80 metri, con un passo, rispettivamente, di 2,73 metri e 2,93 metri. Con il passaggio da City a Travel la vettura incorpora anche una batteria supplementare per passare da 40 kWh a 90 kWh di capacità energetica. Insomma, il futuro è meno lontano di quanto sembra con la visione offerta da questo studio a quattro ruote di Renault.

Renault Clio R.S. Line 1.3 TCe EDC: la prova su strada Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Renault Zoe, l’alternativa per la ripartenza

Altri contenuti