Mercato piloti F1: cosa cambia con l’addio di Vettel alla Ferrari

Il divorzio tra il tedesco ed il cavallino rampante ha dato il via al valzer dei sedili in Formula 1

L’unica cosa che si muove in questa Formula 1 bloccata dal Coronavirus è il mercato piloti, dove la notizia bomba della separazione tra Vettel e la Ferrari ha aperto nuovi scenari e dato il via al valzer dei sedili. Chi prende il posto di chi? In realtà tutto ruota intorno a Vettel, anche se qualcosa è già successo.

Sainz alla Ferrari e Ricciardo in McLaren

Intanto, poco dopo l’annuncio ufficiale dell’interruzione dei rapporti di lavoro tra Vettel e la Ferrari dal 2021, Sainz è stato annunciato come nuovo pilota del team di Maranello con un biennale che lo ha strappato alla McLaren dopo un ottimo 2019. Sulla monoposto arancione però il sedile è rimasto vacante per poco, perché è arrivato Ricciardo a compensare l’assenza di Sainz. In questo modo l’australiano a colto al volo la possibilità di correre con un team sempre più competitivo e in attesa di ricevere le power unit Mercedes.

Alonso torna in gioco

In questa situazione c’è un pilota che da quando ha lasciato la Formula 1 vorrebbe rientrarvi di corsa, si tratta di un certo Fernando Alonso, due mondiali con la Renault e due titoli sfiorati con la Ferrari che, nel frattempo, non ha perso occasione di rimettersi in gioco provando a correre con quasi tutto quello che gli capitava sotto mano trionfando al WEC e nella 24 Ore di Le Mans con la Toyota, con cui ha corso anche la Dakar, e provando l’avventura degli ovali, dove per poco, alla prima occasione, non faceva il colpaccio alla mitica 500 miglia di Indianapolis. A 38 anni suonati però Alonso inizia ad avere fretta per tentare il rietro, vorrebbe un team di spessore per vincere subito, ma alla Red Bull ed in Mercedes hanno fatto sapere di non essere interessati, così come alla Ferrari, e allora adesso punta tutto sulla Renault che ha postato una sua immagine vincente su Twitter con il pilota spagnolo che ha ricambiato il favore a livello social. Certo, sarebbe un azzardo, ma sia il team della Losanga che Alonso hanno bisogno di un rilancio e con gli investimenti giusti…

Vettel l’incognita impazzita

Il vero nome che stuzzica l’attenzione del mercato però è quello di Sebastian Vettel, un campione ferito, pronto al riscatto, che sta osservando la situazione e vede diverse possibilità. La prima è quella più realistica: contendere il sedile della Renault ad Alonso. Certo, non avrebbe le garanzie tecniche che cerca, e si troverebbe a lottare per obiettivi meno edificanti di quelli per cui ha ambito in Ferrari, ma forse dopo una stagione potrebbe fornire le indicazioni giuste per consentire al team di realizzare la monoposto più adatta a lui. Poi c’è la possibilità di andare a rivestire il ruolo di pilota di punta nel futuro team Aston Martin, potendo contare su ingenti investimenti e sulla power unit Mercedes, ma perché entrare dalla porta di servizio quando si può passare per quella principale e andare direttamente nel box della Stella a fianco ad Hamilton? Una suggestione? Sicuramente un’ipotesi difficile da realizzare, ma non impossibile, soprattutto dopo le attenzioni mediatiche che Wolff ha rivolto al pilota tedesco.

I Video di Motori.it

Bridgestone e Microsoft insieme per la sicurezza

Altri contenuti