Sciopero benzinai confermato: fino a quando sono chiusi gli impianti in autostrada

L’agitazione riguarda la chiusura degli impianti autostradali: è iniziata alle ore 22 di ieri.

E’ iniziato ieri sera lo sciopero dei benzinai annunciato la scorsa settimana per i giorni 13 e 14 maggio e confermata nelle ultime ore dalle sigle sindacali Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio. L’agitazione riguarda la chiusura degli impianti autostradali, partito dalle ore 22 di ieri, martedì 12 maggio e che durerà fino alle 22 di giovedì 14 maggio.

Una agitazione per denunciare l’inerzia del governo

I sindacati hanno indetto lo sciopero per denunciare “la condizione di emergenza economica e sanitaria nella quale continuano ad essere lasciate le imprese di gestione”. La protesta era stata già minacciata lo scorso marzo, ma alla fine era stata evitata all’ultimo minuto dopo le promesse fatte dal Governo alla categoria, proteste che però secondo le sigle sindacali non sono state mantenute.

Nel comunicato stampa ufficiale diramato da Fegica e Fegisc/Anisa si leggono le seguenti dichiarazioni: “Davvero incomprensibile l’atteggiamento indifferente e sordo del Governo, rispetto ad impegni rimasti lettera morta, assunti all’interno di un tavolo negoziale che non si riunisce colpevolmente da oltre un mese. In assenza di un cambiamento di rotta, la protesta e le chiusure sono destinate ad estendersi.”

La Faib dice no allo sciopero

Una terza sigla sindacale, ovvero la Federazione autonoma benzinai (Faib), ha fatto sapere che non aderirà allo sciopero che si svolgerà in questi due giorni, ma allo stesso tempo ha denunciato anch’essa la situazione difficile che stanno vivendo in questo delicato periodo di pandemia numerosi lavoratori del settore, duramente messi alla prova dal crollo dei ricavi che si è verificato durante il periodo di lockdown.

I sindacati promettono infine che se il governo non interverrà offrendo un aiuto economico alla categoria le agitazioni proseguiranno nelle prossime settimane con maggiore forza e convinzione e verranno estese anche al resto della rete di distribuzione.

I Video di Motori.it

FISG sceglie Suzuki per la stagione 2020/2021

Altri contenuti