Scuderia Cameron Glickenhaus: ecco il primo bozzetto della Mini Boot

Questa originale dune buggy dalle prestazioni sportive sarà proposta esclusivamente in un apposito kit di montaggio.

Dopo averci sorpreso con l’eccentrica Baja Boot, la Scuderia Cameron Glickenhaus torna alla ribalta delle cronache per aver diramato in rete il primo bozzetto ufficiale dell’inedita Mini Boot, originale dune buggy dalle prestazioni sportive che sarà proposta esclusivamente in un apposito kit di montaggio. La SCG 008 “004/Mini Boot” si differenzierà dal resto dell’offerta della factory americana innanzitutto per il suo prezzo che risulterà decisamente molto più abbordabile, anche se ancora non sono state diffuse delle cifre ufficiali.

Sviluppata per i rally raid

La Mini Boot si presenta quindi come una vettura sportiva e senza fronzoli dotata di un baricentro rialzato e di ruote extra-large, inoltre colpisce per il suo look corsaiolo che prende spunto dall’iconiche versione della Porsche 959 sviluppata per la Parigi Dakar, mentre dal punto di vista tecnico abbraccia la filosofia della Lotus, in particolare per quanto riguarda la leggerezza e la semplicità costruttiva.

Dotazione off road e peso piuma

In regola con le normative imposte del Ministero dei Trasporti USA e con i regolamenti dei Rally raid Dakar e Baja 1000, questa particolare sportiva a ruote alte vanta assetto e pneumatici specifici per la guida off-road, a cui si aggiungono gruppi ottici supplementari, ruota di scorta posizionata sul tetto e l’immancabile verricello. Grazie all’uso di materiali ultraleggeri e alla mancanza di tutto il superfluo, secondo indiscrezioni il peso della vettura non dovrebbe superare quota 700 kg.

Propulsore di origine Ford

A spingere questa leggerissima sportiva ci pensa un collaudato propulsore quattro cilindri Ford Ecotec aspirato da 2.2 litri, in grado di sviluppare circa 160 CV. La trasmissione è stata affidata ad un cambio sequenziale Sadev, mentre molti altri componenti potranno essere elaborati e installati in base ai bisogni e ai gusti dei clienti. La vettura sarà proposta in una variante a due ruote motrici che potrebbe essere affiancata ad una versione più sofisticata dotata di trazione integrale.

I Video di Motori.it

Bridgestone e Microsoft insieme per la sicurezza

Altri contenuti