Benzina: il prezzo nel weekend torna a salire

Esso, Shell, Tamoil e TotalErg riversano sui listini i rialzi di inizio anno dei prezzi di mercato. La verde a più di 1,8 euro al litro.

Esso, Shell, Tamoil e TotalErg riversano sui listini i rialzi di inizio anno dei prezzi di mercato. La verde a più di 1,8 euro al litro.

Durante il fine settimana dell’Epifania appena trascorso il prezzo della benzina è tornato a salire.

Secondo le rilevazioni di Staffetta Quotidiana, infatti, sono state quattro le compagnie che hanno dato il via ai ritocchi tra le giornate di sabato e di lunedì, riversando sui listini «i due forti rialzi di inizio anno dei prezzi internazionali dei prodotti raffinati»: Esso, Shell, Tamoil e TotalErg. Il prezzo del gasolio, al contrario, è in leggera diminuzione.

L’unico distributore a rimanere al di sotto l’1,8 euro al litro per la benzina e sotto l’1,75 per quanto riguarda il diesel è Eni, che ha variato l’ultima volta il prezzo un mese fa, il 7 dicembre 2012.

Il costo medio nella rete nazionale, alla fine delle festività natalizie, è di 1,806 euro/litro per la verde (+0,6 centesimi), con il massimo a 1,828 per Shell, e di 1,755 per il gasolio (-0,2 centesimi).

Altri contenuti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.