Coronavirus: gli esami della patente vengono posticipati

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha prorogato, con effetto immediato, i termini per sostenere le prove dell’esame di patente.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti rende noto di aver prorogato, con effetto immediato, i termini per sostenere le prove dell’esame di patente, a causa della rapida espansione del Coronavirus su tutto il territorio nazionale. Tale provvedimento è stato varato a seguito della sospensione degli esami per il conseguimento delle patenti di guida presso gli Uffici della Motorizzazione Civile prevista dai Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8 e del 9 marzo 2020 per il contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Per tutelare la saluta e la vita dei cittadini, che avrebbero sostenuto gli esami di teoria e di pratica, sono state sospese tutte le prove.

Soluzioni

Secondo le nuove disposizioni, gli esami teoretici potranno svolgersi oltre il termine di sei mesi dalla presentazione della domanda, senza necessità di presentare un’ulteriore richiesta, entro il 30 giugno 2020, con regolare prenotazione presso il competente Ufficio Motorizzazione civile. In egual misura, le autorizzazioni ad esercitarsi alla guida con scadenza compresa tra il 1° febbraio e il 30 aprile 2020, sono prorogate fino al 30 giugno 2020.

Il contenuto del decreto

Questo è il contenuto del DPCM del 8/3/2020: “sono sospesi gli esami di idoneità di cui all’articolo 121 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n.285, da espletarsi presso gli uffici periferici della motorizzazione civile aventi sede nei territori di cui al presente articolo; con apposito provvedimento dirigenziale è disposta, in favore dei candidati che non hanno potuto sostenere le prove d’esame in ragione della sospensione, la proroga dei termini previsti dagli articoli 121 e 122 del DL n.285.”

I Video di Motori.it

Aci Rally Italia Talent: a Cuneo l’ultima selezione

Altri contenuti