Volvo riduce la produzione in Belgio

La Casa svedese taglia 300 posti: «Abbiamo avuto un trend molto positivo, ora la domanda è in declino e dobbiamo riequilibrare la produzione».

La Casa svedese taglia 300 posti: «Abbiamo avuto un trend molto positivo, ora la domanda è in declino e dobbiamo riequilibrare la produzione».

Volvo, che dal 2010 fa capo al gruppo cinese Geely, ha annunciato in una nota la volontà di ridurre, a partire dal 2013, la produzione nello stabilimento belga di Gand, nelle Fiandre orientali.

«Abbiamo avuto un trend molto positivo per numerosi anni», ha spiegato il direttore della produzione Lars Wrebo, «con il 2011 che è stato addirittura un anno record. Ora però la domanda dei nostri clienti è in declino e dobbiamo riequilibrare la nostra produzione. Nella situazione attuale di mercato la flessibilità è essenziale nell’industria dell’auto».

Il ridimensionamento riguarda 300 lavoratori interinali, cui non sarà rinnovato il contratto alla scadenza di fine anno: la produzione di conseguenza verrà ridotta da 59 a 54 vetture l’ora.

Dall’impianto, che impiega attualmente 5.200 operai, escono quattro modelli, S60, XC60, C30 e V40, che presto saranno cinque con la fabbricazione della nuova V40 Cross Country.

Volvo V40 2012 Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

MIMO 2021: intervista a Andrea Levy

Altri contenuti

Riflettori puntati sull’imminente edizione aggiornata del SUV di fascia medio-alta: un nuovo infotainment ed ulteriori dotazioni di sicurezza fra gli elementi che compongono l’annunciato restyling del modello bestseller di Volvo.