Alonso a caccia della Tripla Corona: correrà nella Indy 500 con la McLaren Arrow-SP

Fernando Alonso parteciperà alla prossima Indy 500 e lo farà con la McLaren del team Arrow-SP. Il pilota iberico persegue l’assalto alla Tripla Corona.

Fernando Alonso non molla l’idea di raggiungere l’agognata Tripla Corona (finora ottenuta solo da Graham Hill), e per farlo ha bisogno di gareggiare e vincere nella Indy 500, dopo essersi già aggiudicato in carriera due campionati di Formula 1, due 24 di Le Mans e due edizioni del GP di Monaco. Per raggiungere la vittoria nel catino di Indianapolis, il pilota spagnolo correrà ancora con McLaren, precisamente nel Team Arrow-SP, frutto dell’integrazione delle strutture del team Schmidt-Peterson, che porterà tre monoposto il prossimo maggio sulla famosa pista ovale. Sfumata la possibilità di correre con il team Andretti, il due volte campione di F1 proverà a farlo con questa nuova squadra, motorizzata Chevrolet. I suoi compagni di team saranno Oliver Askew e Pato O’Ward, già annunciati in precedenza.

McLaren punta ancora su Alonso

Quindi nonostante la chiusura del rapporto con il Team McLaren di Formula 1, per il quale è stato ambasciatore dopo aver chiuso la carriera in pista, il pilota iberico è stato confermato come uno dei tre alfieri per competere nella Indy 500, come confermato da Zak Brown, A.D. di McLaren Racing: “Abbiamo sempre detto che saremmo stati disponibili far correre Fernando su una terza macchina alla Indy 500, siamo felici che abbia deciso di unirsi a noi. È uno dei piloti più grandi dello sport, è fantastico averlo nel team. Ed è un bel modo di partecipare alla nostra prima Indy 500 come team Arrow McLaren SP, con il supporto di Ruoff Mortgage a Fernando è una partnership perfetta”. Alonso ha scelto il numero 66, mettendo da parte il suo vecchio 14.

Alonso si concentra sulla gara

Fernando Alonso ha parlato della sua nuova chance nella Indy 500, una delle corse più importanti al mondo, e del suo legame con McLaren, qualcosa di unico e che lo proietta con fiducia a questa nuova sfida: “Sono un racer ela Indy 500 è la gara più grande al mondo, ho un rispetto assoluto nei confronti della corsa e di tutti quelli che vi corrono, quel che voglio è gareggiare di nuovo contro di loro e fare del mio meglio. È stato importante verificare le opzioni disponibili, però Arrow McLaren SP è stata sempre in cima alla lista. Ho un rapporto speciale con McLaren, abbiamo attraversato molte cose insieme e questo crea un legame e una forte fiducia. Più di questo, tuttavia, sono rimasto colpito dal modo in cui si sta sviluppando la nuova organizzazione e le operazioni, in un pacchetto competitivo con la collaborazione Chevrolet. Il team ha gente d’esperienza, grandi risorse e sono fiducioso potremo essere competitivi”.

I Video di Motori.it

“L’Ordinario diventa Straordinario” ad Auto e Moto d’Epoca

Altri contenuti