Colin McRae: “folle” fino alla fine, l’incidente in elicottero si poteva evitare?

Colin MCRae morì con il suo elicotteroNotizia beffarda e curiosa quella apparsa su Colin McRae sul finire di settimana scorsa e che arriva in seguito al verdetto finale della AAIB – l’autorità inglese che indaga sugli incidenti aerei, in merito all’incidente in elicottero che nel novembre 2007 costò la vita all’ex campione del mondo Colin McRae – che seppure in apparenza vago, nella sostanza è molto chiaro.

Non è stato possibile determinare in modo definitivo la causa dell’incidente”, è scritto nel rapporto. Ma poi si fa nota che “gli esperti sostengono anche che McRae poco prima di schiantarsi aveva sottostimato una manovra molto impegnativa”.

Senza contare che la licenza di volo di McRae era scaduta nel 2005 e che il campione scozzese non aveva comunque l’autorizzazione a guidare quel tipo di velivoli.

E a testimonianza del suo spirito pazzo, al momento dell’impatto contro un albero McRae stava volando a velocità molto sostenuta e a bassissima quota, con un vento di coda molto forte. Due fattori che hanno portato al tragico epilogo il volo di Colin, di suo figlio di cinque anni Johnny, all’amico Graeme Duncan e di un altro bambino di sei anni, Ben Porcelli.

Un errore di valutazione, un momentaneo disorientamento e altre cause ”non precisate” sarebbero dunque all’origine del tragico schianto. Tanto che ora dopo la pubblicazione del rapporto non sono mancate dichiarazioni secondo le quali “l’incidente era del tutto evitabile e che, come dimostra un video che ha ripreso buona parte del volo, fu causato dalla decisione del pilota di prendere un rischio non necessario”.

Tutto probabilmente giusto e, presumibilmente, vero. Ma andate voi a dire queste cose ad uno come McRae. Purtroppo non c’è più modo di farlo. Che sia stata l’ultima “follia” di McCrash?

via | ItaliaRacing

I Video di Motori.it

FISG sceglie Suzuki per la stagione 2020/2021

Altri contenuti