Sciopero benzinai sospeso: gestori aperti il 4-5 agosto

Un tavolo tra gestori e petrolieri al Ministero dello Sviluppo Economico ferma le agitazioni, ma solo fino alla verifica del 15 settembre.

Un tavolo tra gestori e petrolieri al Ministero dello Sviluppo Economico ferma le agitazioni, ma solo fino alla verifica del 15 settembre.

È stato sospeso lo sciopero previsto dal 3 al 5 agosto su iniziativa delle associazioni di categoria di gestione degli impianti di rifornimento carburanti (Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc-Anisa Confcommercio).

Il merito è del dialogo promosso dal sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico, Claudio De Vincenti, a cui hanno partecipato le associazioni dei gestori e di quelle di settore (Unione Petrolifera, Assopetroli e Consorzio Grandi Reti).

Nel protocollo sottoscritto è affermato il principio della «salvaguardia del margine del gestore così come pattuito in sede dei singoli accordi di colore». Bisogna mettere sul tavolo, spiegano i gestori, «la pesantissima questione della liceità dei meccanismi di compartecipazione agli sconti imposta a vario titolo dalle aziende petrolifere agli impianti».

Lo sciopero è però solo rimandato, spiega con una nota la Faib, per tenere conto dell’invito del governo a «sospendere le agitazioni in questo momento di particolare difficoltà per il Paese e per i cittadini alla vigilia delle partenze per le vacanze estive». Le associazioni aspetteranno il 15 settembre, data di una verifica presso il Ministero, per decidere se programmare una nuova agitazione.

Altri contenuti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.