Alette parasole digitali: la rivoluzione firmata Bosch

Il colosso tedesco rinnova dopo 95 anni le alette parasole puntando su nuove e sofisticate tecnologie.

La sicurezza sulle automobili passa da nuove e sempre più sofisticate tecnologie frutto del lavoro di esperti del settore, come ad esempio il colosso Bosch che in occasione dell’ultimo CES di Las Vegas ha svelato una particolare e sofisticata interpretazione delle classiche alette parasole per auto.

L’accecamento in auto è un problema serio

La rivisitazione in chiave tecnologie delle visiere parasole da parte dell’azienda tedesca non arriva per caso, considerando che secondo alcuni studi il sole provocherebbe il doppio degli incidenti stradali rispetto a qualsiasi altra condizione meteorologica ed il motivo va ricercato nella cecità temporanea che provoca al guidatore. Le tradizionali visiere parasole, infatti, non risolvono in maniera soddisfacente il problema dell’abbaglio solare, considerando che quando bloccano i raggi solari proteggendo il guidatore, quest’ultimo ha anche una visibilità della strada limitata dall’aletta.

L’aletta parasole diventa digitale

Per questo motivo Bosch ha deciso di realizzare un prototipo di aletta parasole digitale, realizzando una visiera virtuale LCD trasparente abbinata ad una fotocamera che hanno come obiettivo quello di sostituire la tradizionale aletta. Il nuovo dispositivo sfrutta speciali algoritmi capaci di calcolare in tempo reale come bloccare i raggi del sole, senza influire sulla visibilità del conducente. Battezzato Virtual Visor, il sistema collega un display LCD con il guidatore pin modo da tracciare l’ombra proiettata dal sole sul suo viso, inoltre il dispositivo sfrutta l’intelligenza artificiale per individuare la posizione del conducente all’interno dell’immagine dalla telecamera rivolta verso di lui.

C’è anche l’intelligenza artificiale

Come se non bastasse, l’intelligenza artificiale aiuta il sistema ad identificare con massima precisione i punti di riferimento sul viso, compresa la posizione degli occhi, del naso e quella della bocca con l’obiettivo di tracciare le ombre. Analizzato il campo visivo del guidatore, il sistema oscura in tempo reale solo la parte del display traverso cui il fascio di luce colpisce gli occhi, mentre il resto dello schermo resta trasparente.

“Abbiamo scoperto all’inizio dello sviluppo dei Virtual Visor che gli utenti regolano le loro tradizionali alette parasole proiettando sempre un’ombra sui propri occhi” ha dichiarato Jason Zink, esperto tecnico di Bosch in Nord America e uno dei co-creatori di Virtual Visor, che ha inoltre aggiunto: “Questa realizzazione è stata particolarmente importante nel contribuire allo sviluppo del prodotto e della sua tecnologia.”

Sony Vision-S Concept Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

“L’Ordinario diventa Straordinario” ad Auto e Moto d’Epoca

Altri contenuti