Tesla Cybertruck: entrerà in servizio nella polizia di Dubai

Lo indica lo stesso Dipartimento in un post su Twitter: il futuristico pickup elettrico è destinato ad arricchirne il lussuoso parco automezzi.

Decisamente, la polizia di Dubai è “avanti”. Dopo l’acquisizione di un lotto di hoverbike “Scorpion 3” (una “moto volante” sviluppata in partnership con la start-up russa Hoversurf e che si basa sulle peculiarità dei droni, in modo da permettere agli agenti di spostarsi in pochi minuti da un capo all’altro della città), adesso è la volta del Tesla Cybertruck, il futuristico pickup californiano presentato una decina di giorni fa a Los Angeles e suo malgrado protagonista dell’episodio dei finestrini “Tesla Armor Glass” che, in realtà, si sono infranti. Un “incidente di percorso” che tuttavia non impedisce al futuristico pickup elettrico di Tesla un vero e proprio “boom” di ordinazioni: sono già più di 250.000, ad oggi, le manifestazioni di interesse online ricevute dalla factory di Palo Alto.

Ecco il render di anteprima

Fra queste, come si accennava in apertura, c’è la polizia di Dubai, che similmente a quanto Elon Musk è solito fare quando intende comunicare una novità, si è affidata a Twitter per annunciare l’entrata in servizio del Tesla Cybertruck. L’acquisizione non è, ovviamente, immediata: l’”elettro-pickup” californiano – che verrà proposto nelle tre declinazioni ad uno, due (Dual Motor AWD) oppure addirittura tre motori elettrici (Tri Motor AWD) ed a prezzi (finora riferiti al mercato USA) che partiranno da, rispettivamente, 39.900, 49.900 e 69.900 dollari – debutterà sul mercato fra non meno di un anno. Giocoforza, l’esordio del Cybertruck con la divisa della polizia di Dubai non potrà avvenire prima del 2021. È in ogni caso da rimarcare il fatto che un Corpo di forze di polizia renda già nota la propria intenzione di affidarsi allo spigolosissimo pickup “zero emission” per compiti operativi. Vedremo dunque più avanti quale sarà l’equipaggiamento, anche perché il Tesla Cybertruck – non essendo ancora in produzione – è ben lontano dal poter essere già mostrabile al grande pubblico nella livrea della polizia di Dubai. L’immagine diramata attraverso Twitter è, in effetti, un render di anteprima, mediante il quale il pickup elettrico è stato vestito “artificialmente” con la colorazione bianco-verde e le relative grafiche di ordinanza.

Un parco macchine da “Mille e una notte”

È, in ogni caso, conferma di una chiara volontà di distinguersi: la popolosa (conta più di 3,3 milioni di abitanti) Capitale di uno dei sette Emirati Arabi Uniti conta, nel garage della propria polizia, una serie di supercar da far girare la testa. Da Lamborghini Aventador che alcuni anni fa inaugurò la “flotta” di vetture di altissima gamma in servizio effettivo, è stata poi la volta di Ferrari FF, e via via elencando sono arrivate Mercedes SLS AMG, Bentley Continental GT, Audi R8, McLaren MP4-12C, Nissan GT-R, Mercedes G63 AMG “riveduta e corretta” da Brabus, fino alla “incredibile” Bugatti Veyron. Tanto per indicarne alcune. Essendo tuttavia una città piuttosto giovane (l’età media è di 27 anni) e con la ferma volontà di diventare un “hub” tecnologico di primo piano – come del resto dimostrato dalle “motovolanti” S3 e, in un senso più ampio, dalla creazione del Dubai Space Centre che si prefigge di avventurarsi su Marte – il futuro di Dubai è altresì rivolto alle nuove tecnologie, non ultimo lo sviluppo della mobilità elettrica. Come, appunto, il Cybertruck.

Tesla Cybertrack: pick-up spaziale Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Tesla Model Y: la produzione

Altri contenuti