WEC: Peugeot annuncia il ritorno in forma ufficiale

Conferma dei vertici PSA Motorsport: nel 2022 il marchio di Sochaux tornerà nel Mondiale Endurance, e nella nuova categoria Hypercar.

Il legame fra Peugeot e le competizioni è talmente solido che non è neanche ipotizzabile una categoria del motorsport che non veda la presenza del marchio di Sochaux. Una ulteriore dimostrazione (l’ultimo esempio, in ordine di tempo) porta la firma ufficiale dei vertici PSA Groupe, ed è rivolto alla concretizzazione di una notizia che, sebbene finora si fosse trattato di una indiscrezione, era nell’aria da alcuni giorni: il rientro, dopo un decennio giusto giusto, di Peugeot nel Mondiale Endurance, il WEC che la Casa transalpina aveva abbandonato al termine della stagione agonistica 2011 (e dopo avere vinto la 24 ore di Le Mans 2009 con David Brabham, Marc Gené ed Alexander Wurz che si erano alternati al volante della Peugeot 908 HDi FAP “erede alla lontana” della altrettanto storica Peugeot 905 che aveva conquistato la Maratona della Sarthe nel 1992 e nel 1993).

Ecco i primi dettagli

Già individuata la categoria che, dal 2022, assisterà al ritorno di Peugeot nella specialità regina delle gare di durata: la nuova classe Hypercar, chiamata a raccogliere il testimone dall’attuale categoria LM P1 a partire dalla stagione agonistica 2020-2021. Per Il “Leone”, si tratterà, oltre che di un rientro… dalla porta principale nella disciplina endurance, di una nuova sfida tecnico-sportiva: la Divisione Motorsport di Peugeot, che da maggio 2009 è guidata da François Wales, punta in effetti ad un nuovo ed ambizioso progetto, dopo avere annunciato il proprio “addio” alla Dakar ed alla specialità del Campionato mondiale Rallycross.

Peugeot, Aston Martin, Toyota: il WEC 2022 si fa già interessante

È da rilevare, ai fini di una buona base di partenza per il nuovo corso al WEC, il fatto che Peugeot sia attualmente il terzo “big player” ad avere assicurato la propria presenza ufficiale nelle prossime stagioni del Mondiale Endurance, dopo Aston Martin e Toyota: un’adesione che conferma la bontà di un regolamento che, aprendosi alle Hypercar quale nuova classe regina, si propone di avvicinare ulteriormente le vetture da corsa ai modelli di “normale” produzione di serie. In più, le scuderie iscritte avranno la possibilità di utilizzare un sistema di alimentazione ibrido; il che, unito ad una politica di controllo dei costi e precise norme di evoluzione tecnica, potrà regalare nuovi livelli di competitività alle Case che decideranno di prendervi parte.

“Sono entusiasta all’idea di esprimere in un nuovo progetto l’expertise e la passione della squadra: ciò rappresenta una nuova sfida, e mi sento consapevole del fatto che il team sarà in grado di dimostrare ancora una volta la sua assoluta determinazione per vincere”, osserva Jean Marc Finot, direttore di PSA Motorsport. Una dichiarazione che il direttore del “brand” Peugeot, Jean Philippe Imparato, rilancia affermando come “Il marchio Peugeot ha sempre posto la passione per il motorsport al centro della sua azione con molte storiche vittorie in Campionati di primo piano. L’evoluzione del WEC oggi corrisponde alla transizione che stiamo vivendo con l’elettrificazione della nostra gamma e il lancio di prodotti elettrificati ad alte prestazioni”.

Peugeot 908 HDi alla 12 ore di Sebring Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Peugeot E-Mobility City Talk

Altri contenuti