F1, Caterham CT01: oltre le apparenze

Il direttore tecnico Mike Gascoyne afferma che altre monoposto seguiranno questo stile, in barba all’estetica.

Il direttore tecnico Mike Gascoyne afferma che altre monoposto seguiranno questo stile, in barba all’estetica.

Sarà una Formula 1 decisamente meno affascinante da un punto di vista estetico, quella del 2012, per via di un regolamento studiato per incrementare la sicurezza con musetti più bassi. Lo si evince dando uno sguardo alla nuova nata nel team Caterham: la CT01.

Il suo frontale, con la gobba e il muso che scende vertiginosamente verso il basso, rappresenta un esempio concreto della nuova tendenza stilistica 2012. Come spiega senza troppi giri di parole il responsabile tecnico della scuderia, Mike Gascoyne.

“La forma è frutto del nuovo regolamento. Da quest’anno i musetti devono essere più bassi per motivi di sicurezza. Ma per noi progettisti è indispensabile tenere il telaio alto per far passare più aria possibile sotto il corpo vettura. Ecco perché siamo arrivati a questa forma. E credo che molte F1 del 2012 seguiranno questi dettami”.

Insomma, la sicurezza prima di tutto, poi l’aerodinamica, una considerazione che ci riporta alla luce le affermazioni di Montezemolo di qualche giorno fa, nelle quali rispondeva con ironia alle voci che volevano la nuova monoposto di Maranello meno attraente dal punto di vista estetico.

Altri contenuti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.