Blocco traffico Bologna: la Regione anticipa le misure anti-smog

Le condizioni atmosferiche favoriscono la stagnazione delle polveri sottili: a Bologna shopping natalizio a piedi.

Le condizioni atmosferiche favoriscono la stagnazione delle polveri sottili: a Bologna shopping natalizio a piedi.

Anche l’Emilia-Romagna è costretta, dopo i blocchi della circolazione a Milano, Roma e Firenze, a usare il pugno di ferro per limitare la concentrazione di polveri sottili, aumentata per l’assenza di vento, pioggia e neve che non hanno consentito un ricambio dell’aria.

La situazione ha spinto infatti l’amministrazione ad anticipare a lunedì 19 e a martedì 20 dicembre il blocco totale del traffico che era previsto durante i giovedì a partire dal 12 gennaio 2012. Le automobili saranno ferme anche il 29 dicembre, il 5 gennaio, e poi come previsto tutti i giovedì successivi fino alla fine di marzo.

Il blocco riguarda le Province, i Comuni capoluogo e i Comuni con popolazione superiore ai 50mila abitanti, nei quali non potranno circolare, tra le 8.30 e le 18.30, le auto a benzina e diesel precedenti alle Euro 4 e i ciclomotori e motocicli pre-Euro 2.

«L’auspicio è che anche i Comuni più piccoli adottino queste misure, per garantire una maggiore efficacia su tutto il territorio» ha spigato l’assessore regionale all’Ambiente Sabrina Freda. «Come Regione assumiamo l’impegno di aprire un tavolo di confronto con il nuovo governo su questo tema così complesso e importante, prima di tutto per la salute pubblica; ci auguriamo che si arrivi finalmente a un vero e proprio piano nazionale».

Altri contenuti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.