Renault Zoe 2020: primo contatto con la nuova elettrica

La nuova generazione della Zoe rende l’auto elettrica una valida ed accattivante alternativa alle classiche vetture con motore termico.

La Renault Zoe, compatta di segmento “B” 100% elettrica, da pioniera della sua categoria si è trasformata in un indiscusso successo commerciale. A parlare per prima cosa sono i numeri di mercato: in 7 anni di carriera sono state distribuite 160mila unità fino a fine agosto, un dato che si traduce in una quota di mercato in Italia pari al 54,9%.

L’impegno della Casa della Losanga nello sviluppo di auto a zero emissioni sempre più avanzata ed efficienti, viene inoltre sottolineato dall’annuncio da parte di Renault di un maxi investimento da 1 miliardo di euro che avrà come scopo quello di trasformare la Francia in un polo d’eccellenza per quanto riguarda la produzione di veicoli elettrici nell’ambito dell’Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi, inoltre tra gli obiettivi di questo ambizioso progetto troviamo anche l’intenzione di raddoppiare entro il 2022 la capacità produttiva della ZOE nello stabilimento di Flins, situato nella regione di Parigi.

Il successo commerciale della Zoe ha spinto i vertici della Casa del Rombo a fare ancora meglio, realizzando una terza generazione di questa vettura, caratterizzata da un’estetica ancora più accattivante, abbinata ad una nuova e più potente batteria da 52 kWh, capace di aumentare l’autonomia d’esercizio con un pieno di energia fino a quota 395 chilometri (ciclo WLTP), senza dimenticare l’adozione di nuove finiture dal carattere premium e l’iniezione di tecnologia dedicata al confort, all’intrattenimento e alla sicurezza.

La nuova Zoe 2020 viene declinata negli allestimenti denominati Life, Zen e Intens, ma al momento del lancio sarà disponibile anche la serie limitata Edition One caratterizzata da una dotazione completa e lussuosa.

Design: pochi ritocchi per diventare più bella e accattivante

Dal punto di vista estetico, questa terza generazione della Zoe raggiunge la maturità, in particolare colpisce il nuovo frontale che sfoggia un cofano scolpito che si “tuffa” nel logo della Losanga di maggiori dimensioni, con quest’ultimo che cela lo sportellino dedicato alla ricarica della batteria. Dal simbolo del Rombo, impreziosito da un profilo blu che richiama l’anima elettrica della vettura, partono degli inserti cromati che si uniscono ai proiettori C-Shape a LED, sottili e affusolati, mentre più in basso troviamo il fascione paraurti di inedita concezione e dalla forma bombata che ingloba i fari fendinebbia e una grande griglia inferiore. La parte posteriore, anch’essa bombata, si distingue per l’ampio portellone che separa i due fari a Led (con indicatori di direzione dinamici) posizionati sui fianchi. Le dimensioni della vettura rimangono invariate, confermando in questo modo l’agilità di questo modello nel traffico urbano e nelle manovre di parcheggio. Nuova anche la collezione di cechi in lega, caratterizzata da dimensioni che vanno da 15 a 17 pollici.

Interni curati ed ecologici

Entrati nell’abitacolo si scopre una plancia completamente ridisegnata, dal design pulito e dalla forma ergonomica. Le plastiche sono di ottima qualità, morbide al tatto e ben assemblate, in particolare colpisce la fascia centrale in tessuto (nella versione più ricca in ecopelle), di sicuro impatto scenico, così come i sedili dotati di poggiatesta integrati e capaci di trattenere bene il corpo di guidare e passeggero anche quando si guida in maniera allegra. I rivestimenti possono essere in tessuto, misto tessuto-ecopelle o in ecopelle.

L’animo “green” della vettura viene sottolineato dall’uso di materiali provenienti dall’industria automobilistica: parliamo di un uso medio pari al 50% di scarti di tessuto e di cinture di sicurezza e per il restante 50% di fibre riciclate da bottiglie di plastica (PET).

Iniezione di tecnologia

Il volante a tre razze ha un piglio decisamente sportivo, risulta rivestito in ecopelle, vanta numerosi comandi multimediali e vanta un taglio piatto nella parte bassa. Dietro troviamo la strumentazione digitale caratterizzata da un display da 10 pollici, settabile a seconda delle esigenze di guida e in grado di fornire numerose informazioni, tra cui quelle relative alla guida a zero emissioni, alla navigazione satellitare, all’impianto audio (disponibile il potente impianto Bose nelle varianti più ricche) e tanto altro.

La console centrale è dominata dall’ampio schermo verticale da 9,3 pollici dell’infotainment Easy-Lynk che permette di controllare la maggior parte delle funzioni dell’auto, compresa la connettività per smartphone compatibile con Android Auto e Apple CarPlay. Subito più in basso troviamo alcuni tasti fisici, tra cui quello “Eco” dedicato ad uno stile di guida più parsimonioso, e le tre manopole dell’impianto di climatizzazione a controllo elettronico. Nel tunnel centrale è stat posizionata la leva del cambio ridisegnata, il tasto per il freno elettronico, le prese USB (anche per i passeggeri posteriori) e la base per la ricarica wireless degli smartphone. Tra gli equipaggiamenti innovativi segnaliamo inoltre i servizi connessi Renault Easy Connect e la possibilità di sfruttare un’app specifica per gestire numerose funzioni della vettura in remoto, tra cui anche il sistema di climatizzazione.

Al divano posteriore si accede utilizzando portiere dotate di “maniglie a scomparsa”: lo spazio permette di accogliere comodamente due persone adulte, anche se i più alti toccano gli schienali anteriori con le ginocchia, mentre è possibile viaggiare i tre solo per tratti non troppo lunghi. Ampio e regolare, il vano bagagli vanta una capacità di ben 338 litri, ulteriormente ampliabile abbattendo i sedili.

Meccanica: tanta autonomia e potenza

Tra le novità più interessanti che porta in dote la nuova Zoe spicca certamente l’uso di una nuova e più potente batteria da 52 kWh (+20% di capacità), capace di offrire un’autonomia nel ciclo WLTP di ben 395 chilometri. Per effettuare un pieno di energia ora si può sfruttare il sistema di ricarica rapida in corrente continua che si aggiunge al classico sistema di in corrente alternata domestica o tramite colonnine pubbliche.

Utilizzando il sistema di ricarica DC a corrente continua con la colonnina a 50 kW si impiegano appena 30 minuti per ottenere l’80% della carica totale, invece se si utilizzano quelle a 11 e 22 kW bisognerà attendere rispettivamente, due ore e un’ora per sfruttare 120 km di autonomia. Se invece si utilizza una wallbox domestica da 7 kW si può ottenere un pieno di energia in circa 9 ore, ovvero dopo un buon riposo notturno.

La nuova Zoe  viene proposta con un motore elettrico declinato in due livelli di potenza: si parte dalla versione R110 (80 kW) e si arriva alla top di gamma R130 da 100 kW che equivalgono a ben 135 CV.

Al volante della nuova Renault Zoe R130

Per provare in anteprima caratteristiche e qualità della nuova Renault Zoe 2020 siamo volati fino in Sardegna, dove abbiamo avuto la possibilità di testare a fondo in un percorso decisamente vario e lungo più di 260 km che si snoda lungo i suggestivi paesaggi della Costa Smeralda, toccando anche alcun e zone più interne e ricche di altrettanto fascino.

L’oggetto del nostro test drive è stato una Renault Zoe R130 declinata nel ricco allestimento “Intens” ed equipaggiata con il motore da 100 kW (135 CV) e 245 Nm di coppia massima istantanea. Al volante della vettura è facile trovare un ottimo feeling di guida fin dalle prime curve: il merito va alla buona posizione di guida coadiuvata dalle dimensioni compatte da generoso motore elettrico, inoltre il posizionamento della batteria inglobata nel pianale offre un assetto ben piantato a terra che si apprezza in particolare nelle curve più allegre, ma che non pregiudica l’ottimo confort offerto dalle sospensioni.

Il generoso motore da 100 kW regala accelerazioni scattanti e riprese fulminee: secondo i dati dichiarati da Costruttore e confermate dalle sensazioni di guida la vettura scatta da 0 a 100 km/h in meno di 10 secondi, passa da 80 a 120 km/h in soli 7,1 secondi (2,2 secondi in meno rispetto al motore R110) e raggiunge una velocità massima limitata elettronicamente di 140 km/h.

Tramite la leva del cambio (e-shifter) è possibile selezionare la nuova modalità di guida “B-mode” in grado di gestire freno e acceleratore utilizzando solo quest’ultimo pedale e capace di amplificare la frenata rigenerativa in città, aumentando di conseguenza l’autonomia d’esercizio. L’impianto frenante è stato migliorato e potenziato e la dotazione di sistemi di sicurezza gode adesso di nuovi dispositivi ADAS, tra cui segnaliamo la frenata automatica d’emergenza, il sistema che permette di riconoscere i segnali stradali, i fari abbaglianti adattivi, l’avviso di superamento della linea di carreggiata e l’assistenza del mantenimento della corsia, il dispositivo per l’angolo cieco, il cruise control e l’assistenza al parcheggio.

I prezzi

La gamma della nuova Renault Zoe viene offerta nella versione con batteria a noleggio e in quella con batteria di proprietà. I prezzi partono da 25.900 euro per la versione con batteria a noleggio e da 34.100 euro per quella con batteria di proprietà (versione LIFE R110 80 kW) e raggiungono i 31.300 euro (batteria a noleggio) e 39.500 euro (batteria di proprietà) della serie limitata EDITION ONE R135 da 100 kW.

Inoltre la vettura può godere – a livello nazionale – dell’ecobonus pari a 6.000 euro in caso di rottamazione di veicolo Euro 1-2-3-4, e di 4.000 euro senza rottamazione. In alcune regioni l’acquisto di un veicolo elettrico può godere di ulteriori incentivi economici cumulabili con quelli nazionali.

Renault Zoe R135: la prova su strada Vedi tutte le immagini
Altri contenuti