FlixBus, il futuro dei viaggi in autobus è a idrogeno

Dopo il lancio dei primi autobus 10% elettrici Flixbus continua la sua rivoluzione ecosostenibile.

FlixBus, una delle realtà leader in Europa nel trasporto passeggeri su gomma, dopo aver introdotto nella sua flotta i primi autobus 100% elettrici per lunghe percorrenze, si prepara ad una nuova rivoluzione in chiave ecosostenibile. Grazie ad una partnership siglata con Freudenberg Sealing Technologies, Flixbus è pronta a lanciare i primi autobus alimentati a idrogeno. Il progetto, frutto di una strategia che punta ad una mobilità sostenibile e a zero emissioni, traccia un futuro decisamente pioneristico per questa azienda internazionale che opera in ben 30 Paesi.

“FlixBus dispone già di una flotta estremamente green, e la scelta di viaggiare in autobus anziché con la propria auto consente di risparmiare circa l’80% delle emissioni di CO2. Ciononostante, continuiamo a lavorare per rendere il nostro servizio sempre più sostenibile – Queste le parole di André Schwämmlein, fondatore e amministratore delegato di FlixMobility che ha inoltre aggiunto – Abbiamo già introdotto con successo i primi autobus elettrici sulla lunga percorrenza: ora, attraverso la collaborazione con Freudenberg Sealing Technologies per lanciare i primi autobus a idrogeno, vogliamo contribuire a un ulteriore svolta nella storia della mobilità.”

Gli autobus fuel cell (celle a combustibile) che verranno impiegati nella flotta Flixbus avranno un’autonomia d’esercizio di ben 500 km, mentre le loro performance – come ad esempio potenza e accelerazione – vanteranno standard del tutto equiparabili agli autobus “tradizionali” utilizzati nei viaggi a lunga percorrenza. La collaborazione stretta tra FlixBus e Freudenberg Sealing Technologies per il lancio del primo autobus a idrogeno segue di appena un anno il debutto su strada dei primi e-Bus elettrici sulla lunga percorrenza che prestano il loro servizio sulle strade e le autostrade di Francia e Germania.

FlixBus può vantare l’onorevole primato di essere l’unico operatore del settore ad offrire ai viaggiatori un servizio a zero emissioni, grazie alla compensazione delle emissioni di CO2 delle proprie corse tramite una piccola donazione che viene effettuata al momento della prenotazione. Questo contributo viene devoluto ad Atmosfair, una ONG che porta avanti progetti dedicati alla protezione ambientale, certificati a livello internazionale.

Grazie alla costante creazione di collegamenti con stazioni ferroviarie, aeroporti e altri hub della mobilità – capaci di creare una rete integrata di mezzi di trasporto collettivo – Flixbus punta a disincentivare l’uso delle auto e dei veicoli provati. Questo nobile approccio viene inoltre sottolineato con il supporto di FlixBus al terzo Sciopero Globale del Clima. L’azienda regalerà infatti un viaggio a chiunque voglia partecipare alle manifestazioni del 20 e 27 settembre che si svolgeranno in numerose città italiane.

I Video di Motori.it

EuroNCAP Crash Test: Toyota Yaris 2020

Altri contenuti