Carburanti: la verde a quota 1,63 euro al litro

Il prezzo della benzina sale a quota 1,630 euro a litro, aumentano anche i no-logo toccando quota 1,541 euro/litro.

Il prezzo della benzina sale a quota 1,630 euro a litro, aumentano anche i no-logo toccando quota 1,541 euro/litro.

I prezzi dei carburanti in Italia hanno registrato questa mattina nuovi rincari. Secondo gli ultimi dati raccolti dall’autorevole “Quotidiano Energia”, le società di distribuzione IP e Q8 hanno aumentato i prezzi di benzina e diesel,  rispettivamente di 1 e 0,5 centesimi di euro.

Nonostante la scelta di alcune compagnie di tenere i listini bloccati per alcuni giorni, gli aumenti delle quotazioni dei giorni scorsi, sono cominciati a farsi sentire. Anche i distributori “no-logo” hanno seguito l’ondata di aumenti, a dispetto del recente rialzo dell’euro rispetto al dollaro e dell’abbassamento delle quotazioni internazionali del petrolio nel mediterraneo.

Il prezzo medio della benzina praticato oggi dai distributori parte da 1,622 euro al litro degli impianti Eni 1,630 di quelli IP, mentre i no-logo hanno effettuato un 1,541 euro/litro. Per quanto riguarda il fronte dei diesel si parte dall’1,519 euro al litro praticato da Eni e dalla Tamoil, fino ad arrivare all’1,525 di Q8 (no-logo a 1,411 euro/litro). Infine il prezzo del GPL si posizionato tra lo 0,718 euro al litro di Eni e lo 0,734 di Tamoil, Q8 e Totalerg, mentre i no-logo hanno toccato quota 0,715.

Altri contenuti

La sicurezza è fuori discussione, e mentre l’Italia entra nella “stagione invernale” (che, per gli pneumatici, resterà in vigore fino al 15 aprile), Fabio Bertolotti osserva che i prezzi sono in continuo aumento ed è necessario, ai fini della sicurezza, un intervento del Governo per incentivare l’acquisto di gomme di classe A e B per resistenza al rotolamento e aderenza sul bagnato.