Targhe automobilistiche a rischio esaurimento

In molti capoluoghi italiani scarseggiano le targhe automobilistiche e si rischia il blocco delle immatricolazioni.

In molti capoluoghi italiani scarseggiano le targhe automobilistiche e si rischia il blocco delle immatricolazioni.

In un mercato già in affanno per il calo delle vendite si aggiunge un nuovo ostacolo alla ripresa: la mancata produzione e consegna delle nuove targhe automobilistiche da parte del Poligrafo dello Stato. Il problema potrebbe portare al blocco delle immatricolazioni ed è segnalato in diverse città italiane.

A denunciarlo è l’Unasca (Unione Nazionale Autoscuole Studi Consulenza Automobilistica), che elenca i capoluoghi deve le scorte sono in esaurimento: a Torino, Brescia, Piacenza, Modena, Bolzano, Pistoia sono a rischio le nuove targhe delle auto, a Napoli, Asti, Chieti, Pisa e Cagliari, Lodi, Verbano-Cusio-Ossola quelle di moto e ciclomotori, infine a Palermo quelle dei rimorchi.

“Verso fine mese quando si registra il maggior numero di immatricolazioni e in concomitanza con le partenze estive – ha dichiarato il segretario nazionale dell’Unasca Ottorino Pignoloni – puntualmente riesplode il problema di carenza delle targhe presso alcuni uffici della Motorizzazione Civile. Un fatto grave perché si crea un disagio sia per gli automobilisti in partenza, impossibilitati a ritirare i veicoli acquistati, sia per il mercato dell’auto e per gli Sportelli Telematici dell’Automobilista che non sono messi in condizione di fornire il servizio loro richiesto”. 

Altri contenuti
Suzuki: le novità al MIMO 2021
Auto Ibride

Suzuki: le novità al MIMO 2021

La presenza del marchio di Hamamatsu al Milano Monza Motor Show 2021 si incentra sulle proposte ad alimentazione ibrida e su moto (ci sarà anche Marco Lucchinelli) e Marine: spazio anche al motorsport con Swift Sport R1 ed alle concept con il prototipo Suzuki Misano dello IED.