Formula 1: ufficializzato il gran premio del Vietnam

La corsa vietnamita si correrà ad Hanoi nel 2020 su un nuovo tracciato di 5,5 chilometri di lunghezza disegnato per emozionare.

Formula 1: ufficializzato il gran premio del Vietnam

di Valerio Verdone

07 novembre 2018

Avevamo dato l’anticipazione di recente, ma adesso è stato ufficializzato che dal 2020 la Formula 1 amplierà i suoi orizzonti e correrà anche in Vietnam. Infatti, il calendario avrà tra le sue tappe anche quella di Hanoi dove sorgerà un nuovo circuito.

Il tutto è parte della necessità di rendere sempre più internazionale la massima formula in cerca di una visibilità globale e di una popolarità che stride con l’ambiente asettico e le gare poco avvincenti degli ultimi anni. Eppure Liberty Media sta facendo di tutto per far tornare la Formula 1 ai fasti di un tempo e adesso questa mossa potrebbe dare ulteriore man forte allo scopo.

La gara di Hanoi si correrà su un circuito cittadino, tutto nuovo, che sarà studiato per enfatizzare lo spettacolo che possono fornire i bolidi ibridi e la loro elevata cavalleria. Nello specifico avrà una lunghezza di 5,5 chilometri.

Non sono mancate le dichiarazioni di rito come quella di Chase Carey, chief executive della Formula1, che ha detto: “siamo felici di poter annunciare che nel 2020 avremo il gran premio del Vietnam. Correremo ad Hanoi, una delle città più belle al mondo, il luogo perfetto per una gara di Formula 1”.

Gli ha fatto eco Nguyen Viet Quang, ceo di Vingrouo, che si è adoperato per far sì che l’operazione arrivasse in dirittura d’arrivo: “la nostra mission è quella di portare, tramite la Formula 1, un miglioramento generale alle infrastrutture di Hanoi e garantirci visibilità a livello globale. Inoltre, sfruttando la grande audience della Formula1, presenteremo quello che sarà il primo costruttore d’auto vietnamita, VinFast”.

Insomma, un’occasione da cogliere al volo sia per la Formula 1 che per la nuova realtà automobilistica vietnamita. Una gara che suscita quantomeno curiosità anche per via del tracciato, con la speranza di tutti gli appassionati che non venga sacrificato un altro circuito storico per far posto a quello di Hanoi.