Peugeot WRX: tante emozioni a Lohéac

Nell’ottavo appuntamento del Campionato WRX, corso in Francia, Peugeot non ha raggiunto i risultati attesi alla viglia. Ma il potenziale visto dà fiducia per il resto della stagione.

Peugeot WRX: tante emozioni a Lohéac

di Tommaso Giacomelli

03 settembre 2018

Il Team Peugeot Total aveva grande aspettative in vista della sfida di casa, a Lohéac in Bretagna, in cui si è disputata l’ottava manche del Campionato del Mondo FIA di Rallycross. La cornice di pubblico è stata splendida, per quello che è a tutti gli effetti il terzo evento motoristico di Francia, dopo il GP di Formula 1 e la 24 Ore di Le Mans. Sugli spalti tutti erano pronti a vedere trionfare la piccola Peugeot 208 WRX, capitanata da Sebastien Loeb e Timmy Hansen, soprattutto in loro erano rivolte le speranze di tifosi transalpini. Ad ogni le emozioni in pista non sono di certo mancate, ma alla fine il risultato è stato deludente.

Alla fine sono arrivati a referto un 5° e un 6° posto, rispettivamente per Timmy Hansen e Sébastien Loeb, che non rendono merito degli sforzi profusi in questa gara. La Peugeot 208 WRX Evo ha comunque dimostrato un potenziale enorme ed una velocità di punta sensazionale. Il pilota junior, Kevin Hansen, si è dimostrato molto veloce e determinato: si è classificato 1° pilota di riserva, alla fine della semifinale. La sfida continuerà con il prossimo appuntamento fra due settimane in Lettonia, dove Peugeot non vorrà mancare al tanto atteso appuntamento con la vittoria.

Bruno Famin, Direttore di Peugeot Sport, ha rilasciato queste dichiarazione al termine della sfida francese: “Questo week-end a Lohéac abbiamo sperimentato tutta la difficoltà dello sport automobilistico e, in particolare, tutto il piacere e la frustrazione che il rallycross può generare. È chiaro che il risultato finale è molto inferiore alle nostre aspettative, ma comunque abbiamo visto delle bellissime azioni. La vettura ha mostrato tutto il suo potenziale e ha una buona velocità di punta; abbiamo fatto segnare ottimi tempi sul giro. Sébastien ha disputato una semifinale da manuale, rimontando dal 6° al 2° posto per merito suo, senza l’intervento di imprevisti di gara, una situazione che si vede raramente nel rallycross. Il momento più bello della stagione, fino ad ora! Purtroppo non siamo riusciti ad avere una perfetta congiuntura astrale. Il tutto è iniziato con un’estrazione a sorte sfavorevole, perché ci sono state manche di qualificazione che non si sono svolte nel migliore dei modi, incidenti di gara penalizzanti come il contatto fra Loeb e Chicherit che ha messo fuori uso il servosterzo della vettura e, alla fine, Seb ha ottenuto il 18° tempo nella Q3, cosa che lo fatto precipitare al 12° posto della classifica generale. Qui sta tutta le difficoltà del rallycross! È un circolo virtuoso o vizioso: bisogna ottenere buoni risultati dall’inizio alla fine, le condizioni importano poco. Questo week-end, anche se l’affidabilità e le prestazioni pure della 208 WRX non sono state messe in discussione, non abbiamo ottenuto il risultato previsto. Abbiamo ancora del lavoro da fare, dobbiamo migliorarci e fare in modo di avere un piccolo margine di sicurezza, per essere meno sensibili agli imprevisti e agli eventi di gara e, alla fine, arrivare in una posizione migliore nella finale per conquistare la vittoria”.

Tutto su: Peugeot