Formula1 Gran Premio di Monza, qualifiche: c’è solo la Ferrari

Dominio del Cavallino Rampante con un Raikkonen strepitoso e un Vettel quasi perfetto.

Formula1 Gran Premio di Monza, qualifiche: c’è solo la Ferrari

di Francesco Parente

01 settembre 2018

Le qualifiche del GP di Monza prendevano il via su asfalto umido, ma tutti entravano in pista con gomme da asciutto. Mercedes e Red Bull speravano in una sessione bagnata, al contrario la Ferrari baciava i raggi di sole che spuntavano tra le nuvole. Subito veloci le rosse, Vettel e Raikkonen si cambiavano le prime due posizioni, dietro le due Mercedes. In casa Red Bull Verstappen si metteva in quinta posizione, con lo stesso crono di Bottas, poi Ocon, Sainz, Magnussen, Alonso e Perez. Tra i big Ricciardo restava senza tempo fino a 3 minuti dalla fine della sessione, poi segnava un gran bel giro e si metteva tra Hamilton e Bottas. L’italo-australiano, tra l’altro, ha in dote l’ultima evoluzione del motore Renault, ma Ricciardo e Hulkenberg domani partiranno in ultima fila per aver cambiato delle componenti motoristiche, mentre eliminati (e non parteciperanno alla Q2) sono Perez, Leclerc, Hartley, Ericsson e Vandoorne.

Show nella seconda sessione, i big team andavano su di motore e iniziava una lotta serrata tra Vettel e Hamilton, seguiti dai compagni di squadra, distaccati di 5 decimi. Strano momento e un pizzico di rischio quando Bottas, richiamato dai commissari di gara per dei controlli, sterzava rapidamente mettendosi di traverso dopo essere transitato in corsia box sull’acqua. Raikkonen invece si teneva informato sul meteo e il suo ingegnere rispondeva così: “tranquillo Kimi, non aspettiamo pioggia”. Negli ultimi 2 minuti tutti in pista e stravolgimento nel centro dello schieramento, che condannava Magnussen, Sirotkin, Alonso, Hulkenberg e Ricciardo: caso da moviola tra il danese e lo spagnolo, con quest’ultimo che alla prima variante portava fuori pista Magnussen. Bella sessione dal sesto posto in giù: bene Grosjean, Ocon, Stroll (un miracolo visto le ultime prestazioni della Williams), Sainz e Gasly.

Via alla Q3: a nove minuti dalla fine uscivano dai box le due Rosse, dietro tutti gli altri. Vettel tirava sin da subito tutte le staccate, la sua guida era pulita e faceva la pole, poi Raikkonen si metteva davanti e subito dopo Hamilton per 69 millesimi la strappava ai due piloti della Ferrari. Straordinario giro dell’inglese che in un solo colpo e senza sbagliare nulla si metteva davanti a tutti esibendo tutto il suo manico in un vero e proprio “Hamilton lap”! Tre minuti alla fine, ancora tutti dentro, tra chi cercava di trarre vantaggio dal gioco delle scie e chi invece si chiudeva in se stesso per siglare il miglior giro. Verstappen si lanciava per primo, Bottas e Hamilton giocavano con le scie, Vettel andava da solo, Hamilton non si migliorava, di meno Vettel, il migliore era Raikkonen. Bottas a sorpresa il più veloce di tutti, ma una luce illuminava il destino della Ferrari in questa Monza e regalava a Kimi la pole position e alla Rossa di Maranello una prima fila tutta sua! Questi i primi 10: Raikkonen, Vettel, Hamilton, Bottas, Verstappen, Grosjean, Ocon, Gasly e Stroll. Mancava alla Ferrari un risultato così e domani per i ragazzi del Cavallino Rampante esiste un solo obiettivo, che però, per scaramanzia, ogni tifoso della Rossa lo conserva nel proprio cuore come fosse un desiderio segreto.