Peugeot: il Team Total è pronto per la gara di Rallycross in Belgio

Loeb è carico e mira ad ottenere un grande risultato con la sua Peugeot mentre Famin lascia trapelare un certo ottimismo.

Peugeot: il Team Total è pronto per la gara di Rallycross in Belgio

Tutto su: Peugeot 208

di Valerio Verdone

09 maggio 2018

Il Campionato FIA di Rallycross ha visto protagonista il Team Peugeot Total già dalle prime gare grazie ai due secondi posti di Sébastien Loeb in Spagna e in Portogallo. Da sottolineare anche le prove di Timmy e Kevin Hansen che hanno consentito alla squadra del Leone di gravitare al terzo posto della classifica generale dopo 2 gare, con Loeb al quarto posto nella graduatoria riservata ai piloti davanti al compagno di team Timmy Hansen.

Così, in Belgio ci sono i presupposti per fare bene nonostante si tratti di uno dei tracciati più tecnici del campionato, caratterizzato da un grande salto e da diverse curve strette con il joker lap posizionato subito prima del traguardo per un finale di gara spettacolare. Oltre tutto, in questo periodo dell’anno bisognerà fare i conti con le bizze del meteo che potrebbero rendere ulteriormente insidioso il tracciato.

Ma dalle parole di Bruno Famin, Direttore di Peugeot Sport, trapela un certo ottimismo: “i preparativi per il Belgio si effettuano con maggiore serenità di quelli tra Barcellona e Montalegre, perché non abbiamo danneggiato nessuna vettura in Portogallo e questo è un aspetto positivo! Mettet è un circuito in cui dovremmo essere abbastanza a nostro agio. Vedremo quali saranno le condizioni meteo, ma non abbiamo fatto una preparazione specifica per questa pista. Oltre che sulle corse, siamo concentrati sugli sviluppi tecnici che vorremmo adottare nel corso della stagione, ma che non saranno ancora disponibili a Mettet. La configurazione delle vetture in Belgio sarà identica a quella delle prime due gare dell’anno”.

Anche Loeb è carico per la gara: “Mettet è un circuito che mi piace molto: c’è un’atmosfera molto festosa e non è lontano dalla mia città natale in Alsazia; spesso alcuni miei amici vengono a vedere la gara. Ci sono anche molti fan francesi. Ho dei bei ricordi, tra cui un podio nella mia primissima partecipazione qui. Il circuito è abbastanza vario, con sezioni tecniche, curve su terra e una curva a gomito molto stretta. La partenza non è facile e affrontare la prima curva è sempre un’avventura”!