Ford e VW: avanti tutta con guida autonoma, elettrificazione e nuovi servizi

VAG affianca Ford negli investimenti nella start-up self driving Argo AI. L’Ovale Blu utilizzerà il pianale MEB dal 2023 per almeno un nuovo modello 100% elettrico. Procede lo sviluppo condiviso di veicoli commerciali e pickup.

Un ulteriore passo avanti nella nuova “big Alliance” strategica fra due dei principali Gruppi automobilistici del mondo si rivolgerà all’implementazione dei rispettivi investimenti in Argo AI, in modo da integrare – secondo modalità indipendenti – la piattaforma “self driving” sviluppata dall’azienda specializzata in tecnologie di guida autonoma per i rispettivi veicoli di nuova progettazione; all’impiego, da parte dell’Ovale Blu, del pianale MEB sviluppato dai tecnici di Wolfsburg, con la relativa architettura, in ordine di procedere entro il 2023 alla realizzazione di “Almeno un modello di grande serie ad alimentazione 100% elettrica” da destinare all’Europa; e la conferma alle strategie annunciate nei mesi scorsi in merito al piano di sviluppo veicolo commerciali e pick-up di fascia media, da parte di entrambi i Gruppi, rivolti alla vendita in mercati globali selezionati a partire dal 2022. Relativamente ai vantaggi economici e di economia di scala, si prevede che la condivisione dei costi di sviluppo e l’alleanza globale che non prevede alcuna partecipazione incrociata fra le due aziende, “Genererà significative sinergie e contribuirà massimamente alla creazione di positive performance annuali per entrambe le parti”.

Questo è, in estrema sintesi, quanto evidenziato dai vertici Ford (il presidente ed amministratore delegato Jim Hackett) e Volkswagen ( il CEO del Gruppo VAG Herbert Diess) nell’annuncio dell’ampliamento della “global alliance” fra i big player di Dearborn e Wolfsburg, ufficializzata lo scorso gennaio in occasione del Salone di Detroit (qui il nostro approfondimento sui termini dell’agreement) e proseguita, nelle settimane successive, con l’illustrazione dei primi capitoli di accordo, dalla realizzazione di future auto elettriche alla concretizzazione di nuovi progetti di guida autonoma che vedrebbero l’interessamento di entrambi i Gruppi (qui la nostra notizia dello scorso marzo). Al “capitolato” mancavano i dettagli sulla partecipazione in Argo AI, start-up di Pittsburgh specializzata in ricerca e sviluppo di sistemi “self-driving” acquisita da Ford nel 2017.

VW e Ford insieme ad Argo AI per le tecnologie self driving

In queste ore, a New York, una conference call congiunta, alla quale ha preso parte l’amministratore delegato di Argo AI, Bryan Salesky, di fatto pone il sigillo di ufficialità al prossimo avvio di un piano di collaborazione con la start-up della Pennsylvania per introdurre le tecnologie di guida autonoma negli USA ed in Europa.

In questo modo, evidenziano i massimi dirigenti Ford e Gruppo VAG, in virtù della partnership la piattaforma self-driving di Argo AI “Sarà la prima ad avere programmi di diffusione commerciale in Europa e negli Stati Uniti”, con in più il vantaggio di poter contare sulla presenza globale di entrambi i big player, condizione indicata come essenziale per avere a disposizione il potenziale di diffusione dei sistemi di guida autonoma più capillare “Rispetto ad ogni altra tecnologia self driving”.

Il Gruppo Volkswagen e Ford “Integreranno il sistema di guida autonoma di Argo AI in veicoli appositamente sviluppati per la movimentazione di merci e persone, secondo i rispettivi piani aziendali”. Per la start-up di Pittsburgh, obiettivo principale rimane la creazione di un modulo di guida autonoma Livello 4, per poterne consentire l’utilizzo tanto nei servizi di ride sharing quanto nelle attività di consegna merci nelle aree urbane ad elevata densità di popolazione.

“Ford e il Gruppo Volkswagen – riassume l’annuncio di partnership – avranno una pari partecipazione in Argo AI che garantirà loro un’ampia maggioranza congiunta. La quota rimanente sarà utilizzata come incentive pool per i dipendenti di Argo AI. Il completamento della transazione è soggetto alle approvazioni normative e alle condizioni di legge”. In termini finanziari, da parte del Gruppo VAG l’investimento in Argo AI consisterà in uno stanziamento di 1 miliardo di dollari in fondi e nel conferimento della propria Divisione AID-Autonomous Intelligent Driving (società con sede a Monaco di Baviera), valutata 1,6 miliardi di dollari; e 200 collaboratori. Il Gruppo Volkswagen provvederà inoltre all’acquisto di azioni Argo AI da Ford, che ne è proprietaria dal 2017, per un importo di 500 milioni di dollari in tre anni. L’Ovale Blu investirà in Argo AI i rimanenti 600 milioni di dollari dallo stanziamento, precedentemente annunciato, di 1 miliardo di dollari. Complessivamente, quindi, la transazione fa corrispondere ad Argo AI una valutazione pari a 7 miliardi di dollari.

Ford utilizzerà la piattaforma MEB di VW

Corpose novità anche riguardo alla diffusione delle nuove piattafome per veicoli “zero emission”: Diess e Hackett hanno infatti annunciato che Ford sarà il primo Gruppo automobilistico esterno ad utilizzare il pianale MEB-Modularer Elektrischebaukasten del Gruppo Volkswagen di imminente impiego quale “base di partenza” per la lineup VW ID. (con la berlina compatta ID.3 di prossimo debutto sul mercato). Lo sviluppo della piattaforma MEB, avviato nel 2016 dunque all’indomani dell’esplosione del “Dieselgate” (inizio dell’autunno 2015) ha finora comportato un investimento complessivo nell’ordine di circa 7 miliardi di dollari nel progetto; il Gruppo VW prevede di impiegare la piattaforma MEB per circa 15 milioni di autovetture (riferite al solo Gruppo VAG) entro il prossimo decennio. Un concreto aiuto a questa strategia potrà derivare dall’impiego del nuovo pianale per veicoli a zero emissioni da parte di Ford: l’Ovale Blu annuncia l’utilizzo della piattaforma per la produzione, dal 2023, di un primo modello ad alimentazione 100% elettrica destinato all’Europa.

Veicoli commerciali e pick-up: tutto secondo i piani

Procede, nel frattempo, il piano di sviluppo rivolto alla realizzazione condivisa di nuovi veicoli commerciali e pick-up di fascia media, annunciato lo scorso inverno con l’obiettivo di “Rafforzare la rispettiva competitività in mercati-chiave” e per il quale Ford e VW prevedono una crescita della domanda nei prossimi cinque anni. Nel dettaglio, nuovi pick-up verranno sviluppati e prodotti da Ford, a partire dal 2022, per l’Europa, l’Africa, il medio oriente, la regione Asia-Pacifico e l’America latina. Sempre dal 2022, Ford prevede la realizzazione di veicoli commerciali di grandi dimensioni per entrambi i Gruppi e che saranno rivolti al mercato europeo, mentre il Gruppo VAG si incaricherà di progettare e mettere in produzione un cityvan da introdurre, in un’ottica a medio termine, in alcuni mercati selezionati dell’Europa.

Altri contenuti su Auto elettriche