Nissan richiama oltre 490.000 veicoli in Giappone

Si tratta di sette modelli prodotti per il mercato interno fino al mese di settembre 2018

La sicurezza prima di tutto, e così Nissan richiama 491.345 veicoli immatricolati per il mercato interno, quello giapponese, quindi nessun allarmismo tra i clienti europei e tra quelli italiani. Si tratta di una procedura che ogni tanto si rende necessaria per ovviare a delle problematiche ed evitare spiacevoli inconvenienti.

Nello specifico, questi veicoli, costruiti fino al mese di settembre dello scorso anno, avrebbero un difetto riscontrato in una scheda elettronica, per cui potrebbero subire un principio d’incendio a seguito di un eventuale corto circuito.

In seguito a 4 episodi in cui 4 auto sono state vittime di un incendio, ed alle successive segnalazioni da parte di punti vendita e clienti, la Casa madre ha deciso di procedere con la campagna di richiamo per evitare ulteriori problematiche.

Quindi sono stati sette i modelli interessati dal provvedimento, vetture che in futuro non correranno il rischio di questo inconveniente che, in alcuni casi, può essere anche pericoloso. Ovviamente, la Nissan ha risolto la problematica con tempestività e con la professionalità che contraddistingue un brand molto apprezzato anche nel Vecchio Continente.

Nissan Juke: ultime fasi di test prima del lancio Vedi tutte le immagini
Altri contenuti