Toyota e Suzuki: scambio di competenze per il futuro

Motori ibridi e due veicoli sulla piattaforma di Rav4 e Corolla Wagon per Suzuki mezzi per l’India e l’Africa per la Toyota.

La collaborazione tra due Brand giapponesi del calibro di Toyota e Suzuki è datata 2016, ma adesso i marchi coinvolti nella partnership hanno annunciato quali sono i loro obiettivi: realizzare veicoli che siano in linea con le specifiche di ognuno dei due Costruttori sfruttando la tecnologia relativa all’elettrificazione di Toyota e l’esperienza nella costruzione di auto compatte di Suzuki.

Akio Toyoda a capo di Toyota ha dichiarato: “riteniamo che l’espansione della nostra partnership commerciale con Suzuki, dalla fornitura reciproca di veicoli e propulsori ai settori dello sviluppo e della produzione, ci aiuterà a rimanere competitivi in un periodo di profonda trasformazione per il settore auto”. Gli fa eco il presidente Suzuki Osamu Suzuki : “la Toyota è la compagnia più affidabile che sta lavorando attivamente su varie tecnologie avanzate e future, apprezziamo la gentile offerta di farci utilizzare il loro sistema ibrido”.

Una formula che potrà consentire ai Brand in questione di rimanere concorrenti sul mercato proprio per le loro differenti identità. Non ci saranno dunque modelli speculari, ma auto differenti che sfruttano le capacità costruttive di entrambi.

Quindi, Suzuki potrà beneficiare dei motori per le sue nuove compatte realizzate da Toyota, così come delle power unit ibride della Casa delle Tre Ellissi e di due modelli elettrificati costruiti sulla piattaforma della Rav4 e della Corolla wagon. Mentre Suzuki realizzerà per Toyota 2 modelli per il mercato indiano oltre a 4 auto destinate alla piazza africana. Senza contare che i due Marchi lavoreranno in sinergia per sviluppare due veicoli ibridi per la realtà indiana con uno di questi che, molto probabilmente, sarà un SUV di segmento C.

I Video di Motori.it

Toyota CH-R 2020: intervista a Mariano Autori

Altri contenuti