Mitsubishi: l’innovativo Outlander PHEV compie 5 anni

Con 115.448 vendite totali nel Vecchio Continente è la vettura ibrida plug-in leader sul mercato europeo e il nuovo ciclo di omologazione WLTP gioca a suo vantaggio.

La Mitsubishi festeggia i 5 anni dall’arrivo sul mercato europeo di un’auto allora quasi futuristica e che oggi raccoglie il successo maturato per essere stata una sorta di pioniera. Si tratta dell’Outlander PHEV che è stata presentata al pubblico per la prima volta in occasione del Salone di Parigi del 2012.

Arrivata negli showroom olandesi il 21 ottobre 2013, il SUV ibrido plug-in era una valida alternativa alle poche auto elettriche esistenti, confinate all’utilizzo cittadino, e rispetto alle ibride convenzionali offriva una grande autonomia con oltre 800 km promessi.

Ebbene, questa scelta innovativa e non poco rischiosa in un mercato che stava cambiando è stata premiata dagli acquirenti visto che le vendite totali fino al 30 settembre 2018 si attestano su una cifra importante: 115.448 esemplari nel Vecchio Continente.

Numeri che la collocano al vertice delle classifiche di vendita tra le auto ibride plug-in. Inoltre, sta continuando ad incrementare il grado di apprezzamento in Svezia ed in Germania grazie ad una rete di vendita fortemente radicata sul territorio.

Ma non è tutto, perché il nuovo ciclo di omologazione WLTP ed il livello di emissioni del modello 2019 di soli 46g/km giocano a suo vantaggio rispetto ad una concorrenza che deve lavorare sodo per arrivare a tali risultati ed essere così competitiva sul piano dell’ecologia.

Chiaramente, la speranza degli uomini Mitsubishi è che la tendenza continui ad essere positiva, magari facendo da volano a nuovi modelli che possano cavalcare il trend grazie a contenuti rispettosi dell’ambiente.

Mitsubishi Outlander 2.4 PHEV Diamond: la prova su strada Vedi tutte le immagini
Altri contenuti