Nissan: pensionamento anticipato per la Pulsar

Le vendite sotto le aspettative e l’avanzata dei SUV hanno determinato la fine commerciale della compatta di Nissan.

Nissan: pensionamento anticipato per la Pulsar

di Valerio Verdone

14 settembre 2018

Ci sono auto poco fortunate che non hanno successo sul mercato per diversi motivi: tra queste possiamo annoverare anche la Nissan Pulsar, la compatta che è stata realizzata per tornare nel combattuto segmento C sostituendo la poco apprezzata Almera.

Ebbene, nonostante la sua breve carriera, adesso la Pulsar è in procinto di uscire di scena; certo, verranno venduti tutti gli esemplari che sono rimasti in giacenza o nelle concessionarie, ma per quanto riguarda la produzione c’è stato uno stop definitivo dal mese di giugno.

Quindi, se avete intenzione di acquistare una Pulsar d’occasione è il momento giusto, perché sicuramente ci saranno scontistiche importanti per smaltire l’invenduto. Infatti, l’auto in questione lo scorso anno ha fatto registrare un qualcosa come 40mila unità in meno rispetto a quelle che la Casa aveva pianificato di vendere.

Ma da cosa dipende questa debacle della Pulsar? L’auto è onesta, non troppo innovativa nell’aspetto, diciamo rassicurante, e molto spaziosa all’interno, i prezzi sono nella media, ma la concorrenza è tanta, anche tra i generalisti. Forse l’arrivo di tante proposte sempre più cariche di tecnologia l’ha rallentata, ma il motivo scatenante della sua discesa a livello numerico è il fenomeno SUV, quello che sta letteralmente dominando il mercato da diversi anni.

La Nissan in questa categoria è maestra con due bestseller come Qashqai e Juke, e con la più spaziosa X-Trail, ecco diciamo che la concorrenza, anche interna, di queste vetture a ruote alte ha determinato la fine commerciale della Pulsar che, al momento, non avrà nemmeno una sostituta.

Tutto su: Nissan Pulsar