Renault-Nissan-Mitsubishi con Uber e Amazon per l’auto del futuro

Renault, Nissan e Mitsubishi hanno avviato dei colloqui con Uber, Amazon e Alibaba per la mobilità del prossimo futuro.

L’alleanza formata da Renault, Nissan e Mitsubishi guarda al futuro e per questa ragione sta portando avanti dei colloqui esplorativi con aziende come Uber, Amazon e la cinese Alibaba.

L’orientamento del gruppo guidato da Carlos Ghosn parte dalla valutazione che nei prossimi cinque anni le auto a guida autonoma e quelle connesse saranno al centro del mercato, mentre tecnologie tradizionali come il diesel si avvieranno verso un inesorabile declino, con una quota di mercato che in Europa potrebbe scendere sotto la soglia del 40%, ovviamente il tutto in favore della propulsione elettrica.

Per i costruttori automobilistici nasce l’esigenza di non farsi trovare impreparati davanti a quella che si annuncia come una rivoluzione del settore. In tal senso, quindi, collaborazioni con aziende high-tech o con una forte carica innovativa diventano indispensabili, anche per un grosso gruppo come quello franco-giapponese.

Le dichiarazioni rilasciate alla stampa da Ghosn anticipano i piani futuri di Renault-Nissan, intenzionato a produrre e vendere robotaxi proprio sfruttando le competenze e le potenzialità dei vari Uber e Amazon, tanto per citare due dei nomi in ballo in un mercato sempre più fluido e sempre meno legato al concetto di esclusiva, nel senso che le aziende tecnologiche si riservano di fornire le proprie soluzioni anche a più costruttori automobilistici contemporaneamente.

Per quanto riguarda l’Alleanza, Ghosn ha confermato invece l’intenzione di rafforzare ancora di più legami e sinergie tra i marchi che ne fanno parte, assicurando che le vetture e le tecnologie del futuro verranno messe a punto da Renault, Nissan e Mitsubishi congiuntamente.

Altri contenuti